Category: Disabilità

Disabil-ART: la mostra per la coppa di ciclismo paralimpico

“Combattere ogni forma di discriminazione e di stigma e ribadire il contenuto universale delle arti visive”.  E’ questo l’obiettivo di “Disabil-ART . Interpretazioni e Immagini dell’Arte contemporanea” una mostra dedicata al tema della disabilità in occasione della Coppa del Mondo di ciclismo paralimpico che si terrà dal 7 al 12 maggio nella città di Corridonia (Mc).

“Parlare di disabilità, sensibilizzare al tema attraverso una manifestazione sportiva è una occasione di tale importanza civile a cui la cultura artistica non può rimanere passiva” a tal fine l’Officina delle Arti di Corridonia ha deciso di offrire il suo contributo con l’organizzazione di una esposizione “che raccolga alcuni tra gli artisti più rappresentativi del territorio e non solo, tutti coloro che, opportunamente selezionati, vorranno condividere con la comunità il loro contributo artistico

L’Officina delle Arti di Corridonia

Gli artisti possono partecipare con lavori realizzati nelle diverse tecniche: pitture, sculture, fotografie, installazioni, video, incisioni da far pervenire all’Officina delle Arti di Leonardo Serafini, nei giorni immediatamente precedenti l’inizio della manifestazione, che si inaugurerà venerdì 10 maggio alle 17.30. (slup)

L’Arte di vivere”,  in mostra le opere realizzate da persone con disabilità motoria

Sabato 1 e domenica 2 dicembre 2018 presso La Stecca 3.0 di Milano si terrà la mostra “L’Arte di vivere”,  esposizione di opere realizzate da persone con disabilità motoria, all’interno dell’Atelier di arteterapia del Centro Polifunzionale “Spazio Vita” – ASST Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda. La mostra è sostenuta dall’Ordine di Malta e patrocinata dal Municipio 9 di Milano.

Sarà l’occasione “per riscoprire la creatività come strumento per entrare in relazione con se stessi e con il mondo esterno, capace di aprire la mente a nuovi punti di vista e possibilità”. I lavori esposti sono testimonianza della bellezza e delle risorse che ognuno di noi ha nascoste dentro di sé.

Scrive la curatrice Valeria Vaccari. “L’Arte di vivere” promuove l’utilizzo dell’arte e dell’arteterapia come esperienze capaci di accrescere la qualità della vita e, grazie all’impatto dei lavori esposti, contrasta anche il pensiero e lo sguardo, limitato e limitante, che troppo spesso si riserva alle persone con disabilità motoria. Durante l’evento i visitatori potranno partecipare alla realizzazione di un’opera collettiva.

Per la Cooperativa Spazio Vita “L’arte di vivere” sarà un’occasione di apertura al territorio, di incontro, conoscenza e relazione con le persone che lo abitano. “

“L’arte di Vivere”
Inaugurazione 30 novembre ore 17:30 – 20:00 con piccolo rinfresco
la mostra prosegue nei giorni 1 e 2 dicembre ore 10:00 – 20:00

 

(sabrina lupacchini/slup)

Teatro “Sergio Goretti”, uno spazio dove le diversità scompaiono

Sabato 1° dicembre l’Istituto Serafico di Assisi inaugura il nuovo Teatro dedicato alla memoria di Monsignor Sergio Goretti e annuncia la partenza dei prossimi laboratori teatrali rivolti a tutti i bambini e ragazzi con disabilità del territorio, con l’obiettivo di promuovere nuove occasioni di inclusione per aiutare gli utenti nella relazione con l’altro, con se stessi e con la propria creatività.

Uno spazio dove le diversità scompaiono, i limiti si annullano e le personalità emergono, valicando le barriere della disabilità. Tutto questo e molto altro sarà il nuovo Teatro “Sergio Goretti” dell’Istituto Serafico di Assisi, che verrà inaugurato sabato 1° dicembre insieme alla nuova Residenza Vendramini. Realizzato grazie al lascito solidale di Mons. Goretti, al quale è dedicato, grazie a un finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e all’intervento di un donatore privato, il teatro è stato fortemente voluto per offrire a bambini e ragazzi con disabilità un luogo fisico e temporale dove potersi esprimere attivando modalità corporea, mimico-gestuale e verbale sulla base delle abilità proprie di ognuno. Un prezioso ambiente creativo in grado di facilitare la conoscenza ed il confronto relazionale che, attraverso la formula coinvolgente e partecipativa del Teatro Sociale, promuove il benessere della persona con una particolare attenzione rivolta a valorizzare le singole personalità e l’autenticità espressiva.

Da gennaio 2019, il Serafico darà inoltre il via alla nuova stagione dei laboratori teatrali, che saranno aperti a tutti i bambini e ragazzi con disabilità del territorio umbro. L’obiettivo è promuovere nuove occasioni di inclusione per aiutare gli utenti che parteciperanno a rendere armonico il rapporto tra corpo, voce e mente nella relazione con l’altro, con se stessi e con la propria creatività.

#VADOALMUSEO, online la campagna di crowdfunding della Fondazione Dopo di Noi Bologna

È online la campagna di crowdfunding lanciata dalla Fondazione Dopo di Noi Bologna onlus per raccogliere fondi a sostegno della seconda edizione di Vado al Museo!, un progetto che offre a persone con disabilità intellettiva un’occasione per accrescere la propria autonomia nella gestione del tempo libero e vivere un’esperienza nuova e gratificante.

Il progetto, ideato e curato da Paola Bartoli per la stessa Fondazione, prevede percorsi di visita a cinque musei della città di Bologna, affiancati ad un lavoro sulla fotografia che vede i giovani con disabilità diventare veri e propri fotografi.

La seconda edizione di Vado al Museo! si avvale della collaborazione dell’Istituzione Bologna Musei che ha messo a disposizione i mediatori dei propri Servizi educativi, spazi e competenza per guidare il gruppo di 15 ragazzi in percorsi di visita preparati ad hoc.

In continuità con la prima edizione, accanto alle visite ai musei ci sarà un momento dedicato alla rielaborazione di quanto visto attraverso un’espressione creativa. Per l’edizione 2018 il linguaggio scelto è quello della fotografia 

A guidare i partecipanti nel lavoro sulla fotografia è Eleonora Ondolati, fotografa e docente diSpazio Labo’, centro che si occupa della diffusione della cultura fotografica e che ha deciso di essere al fianco di Fondazione Dopo di Noi in questo percorso.

Grazie alla raccolta fondi sarà possibile realizzare un cofanetto che raccolga le foto scattate dai ragazzi: cartoline che potranno essere sfogliate, inviate o incorniciate e che saranno poi presentate in una mostra che si svolgerà al termine del progetto.

Per poter realizzare il cofanetto e la mostra delle foto e far conoscere alla città il progetto, Fondazione Dopo di Noi Bologna ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma di IDEAGINGER, con l’obiettivo di raccogliere 2.000 euro per sostenere le relative spese. Sul sito www.ideaginger.it è possibile sostenere con una donazione il progetto #VADOALMUSEO – 2 edizione

Link alla campagna di raccolti fondi

La prima mappa tattile delle ville storiche di Roma? E’ a Villa Torlonia

Approvata dall’Istituto nazionale per la mobilità autonoma di ciechi ed ipovedenti (Inmaci) e realizzata in italiano, inglese e in braille, la prima mappa tattile delle ville storiche di Roma è collocata a Villa Torlonia e posizionata nel parco presso l’ingresso principale (via Nomentana n.70). E’ stata realizzata con l’intento di “accogliere e orientare il pubblico di visitatori con deficit visivi e in linea con la nuova attenzione rivolta alle tematiche dell’inclusione”. Agevola in modo chiaro e semplice, l’orientamento nel giardino, utile per tutti i visitatori e soprattutto alle persone con disabilità visive (non vedenti, ipovedenti e con problemi di percezione cromatica).

Le caratteristiche tecniche del leggio “consentono, inoltre,  la piena fruizione della mappa anche alle persone con disabilità motoria (spazio vuoto sottostante al piano inclinato per ospitare l’ingombro della sedia a rotelle)”. Un nuovo strumento all’insegna dell’inclusione nell’ambito dei progetti per l’accessibilità del programma Musei da toccare.

 

(slup/sabrina lupacchini)