Category: Giovani

Ad Arezzo il teatro è giovane: al via il Festival partecipato

Dal prossimo 30 maggio fino al 2 giugno debutta l’Arezzo Crowd Festival, il Festival Partecipato del Teatro Giovane, che per quattro giorni regala alla città toscana una grande festa della cultura.

Un calendario molto articolato che propone circa quaranta eventi (tutti a ingresso gratuito) che spaziano da mostre di arti visive a incontri letterari, da performances a concerti, con più di venti partners coinvolti. Grande attesa per il Young Theatre Contest con 4 compagnie under 35 che si sfideranno sul palcoscenico del Teatro Pietro Aretino in un concorso teatrale, che verrà giudicato da una giuria in parte composta da professionisti, in parte popolare.

Creato da Officine Montecristo e realizzato insieme alla Fondazione Guido d’Arezzo, l’idea del Crowd Festival nasce un anno fa, con la costituzione di un comitato artistico di 70 giovani tra i 18 e 30 anni che hanno aderito al progetto da tutta Italia.

Sono loro che hanno scelto la linea artistica della manifestazione: dal tema della prima edizione “Contaminazioni”, all’immagine di riferimento della locandina “La Donna Iraniana” di Zahra Sadat Kiafar, fino alle compagnie partecipanti allo Young Theatre Contest. Sempre il comitato artistico ha curato l’organizzazione e la promozione del Festival attraverso corsi di formazione gratuiti offerti dai professionisti di Officine Montecristo e ha realizzato un blog che ha ormai una sua redazione indipendente.

Partecipazione e condivisione rendono l’Arezzo Crowd Festival un evento unico, che nasce dal basso e che, coinvolgendo un gran numero di persone, associazioni e istituzioni, porta alla scoperta di un nuovo pubblico e di artisti emergenti.

Oltre alla Fondazione Guido d’Arezzo e Officine Montecristo la prima edizione dell’Arezzo Crowd Festival è realizzata grazie alla partecipazione di Zero Spreco/Aisa Impianti.

Il programma di tutti gli appuntamenti è disponibile su: www.arezzocrowdfestival.it

“DeclinAZIONE”: concorso per studenti di fotografica consapevole

Torna il Contest “DeclinAZIONE” concorso fotografico nazionale riservato agli studenti delle scuole superiori e delle università italiane, promosso dall’associazione FotograficaMente Siena con il Comune di Siena che invita gli studenti a raccontare la realtà attraverso la “fotografia consapevole”. I ragazzi che vorranno partecipare hanno tempo fino al 15 maggio per presentare le opere. Il regolamento è consultabile su: www.fotograficamentesiena.it. 

La partecipazione è assolutamente gratuita e l’iniziativa, che riunisce fotografi che hanno al loro attivo percorsi artistici e professionali importanti, “vuole offrire occasione a chi usa il mezzo fotografico in modo quotidiano (soprattutto grazie alla frequentazione dei social network), di ripensare alla fotografia come un linguaggio affascinante e complesso che oltre a documentare, indagare e raccontare, può essere occasione di espressione concettuale, di confronto e di crescita”.

“Attraverso il concorso i ragazzi sono invitati ad esprimersi sul tema delle relazioni e dei rapporti trasponendo il proprio personale modo di interpretarlo nella concretezza di un’immagine. I più meritevoli avranno inoltre la possibilità di poter vedere esposte le loro opere alla Galleria Olmastroni”. Con il concorso “DeclinAZIONE”, la sfida a cui sono chiamati i giovani fotografi, “sarà quella di osservare con gli occhi, elaborare con la mente e declinare l’idea che ne scaturisce in una fotografia”.

Ogni partecipante può inviare un massimo di tre fotografie esclusivamente in formato digitale che potranno essere realizzate con ogni tecnica ed elaborazione. Le opere (obbligatoriamente in formato JPG dalle dimensioni minime di pixel 1200 nel lato lungo) dovranno essere inviate tramite wetransfer all’indirizzo: concorso@fotograficamentesiena.itentro le ore 23.59 del 15 maggio 2019.

Le fotografie saranno valutate da una giuria composta dai membri di Fotograficamente Siena. I vincitori, saranno premiati il 18 maggio 2019 nella sede espositiva di Palazzo Patrizi a Siena dove, nella Galleria Olmastroni, sarà allestita una mostra con le opere vincitrici e quelle ritenute più interessanti che resterà aperta al pubblico con ingresso gratuito fino al 1 giugno.

CIRCLE – Industria Scenica contro la dipendenza da “rete”

Industria Scenica, cooperativa di Vimodrone (MI) nata nel 2012, con l’idea di progettare e realizzare percorsi che integrano le arti performative con il sociale, la formazione con lo sviluppo personale, in stretta collaborazione con la rete De.ci.di. (Definirsi cittadini digitali) di cui è parte insieme al Centro di ricerca Cremit, Associazione Contorno Viola e Steadycam, ha partecipato (e vinto) al bando Bando Youth Bank-Prevenzione dipendenze 2017, promosso dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza. Il progetto presentato denominato “Circle”  è stato studiato e pensato “per sensibilizzare i giovanissimi circa i fenomeni di subordinazione al mondo della rete e alla dipendenza degli strumenti elettronici, utilizzando la tecnologia in maniera innovativa e in modo da renderla effettivamente vantaggiosa, al fine dell’apprendimento, se utilizzata correttamente”.

La dipendenza dal web, dalle tecnologie e dai nuovi media “è uno dei fenomeni più caldi e chiacchierati della nostra attualità”. Gli educatori di Industria Scenica hanno lavorato con gli studenti del Liceo Banfi di Vimercate (MB) creando momenti di confronto per stimolare i giovani a reagire alla dipendenza tecnologica. Insieme, hanno utilizzato una videocamera a 360° per realizzare un video, un viaggio all’interno della rete tra schermi, social network e like. Dopo queste prime attività, il progetto è entrato a partire dal 16 maggio nella sua fase calda, con la diffusione del lavoro all’interno di altre scuole.

Night Chant: “un viaggio all’interno dell’irrazionalità del sogno”

RvB Arts presenta Night Chant, prima mostra personale in galleria del giovane artista italiano Alessandro Sicioldr nato aTarquinia nel 1990.

Più che una mostra “è un viaggio all’interno dell’irrazionalità del sogno e dell’inconscio alla scoperta di mondi abissali e meravigliosi. Creature bizzarre e mitologiche, esseri strani e misteriosi, divinità onniscienti, ibridi e replicanti sono i protagonisti dei dipinti, disegni e acquerelli di Sicioldr. Questi scaturiscono dalla reinterpretazione di storie antiche, rendendosi immagini incarnate nella sapiente tecnica della sua pittura ad olio.”

Nelle sue opere Sicioldr “crea atmosfere oniriche in cui visioni e suggestioni personali si fondono a simboli e immaginari storici. Nonostante la giovane età ha già partecipato a diverse mostre personali e collettive manifestando un’abilità tecnica e una capacità visionaria supportata da studi che abbracciano diversi campi disciplinari”.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

 

SICIOLDR  –NIGHT CHANT
Vernissage e cocktail: giovedì 16 e venerdì 17 novembre 2017 (dalle 18:00 alle 22:00), via della Zoccolette 28, 00186 Roma

La mostra resterà aperta fino al 2 dicembre. Orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts
Testo critico: Viviana Quattrini
Info 3351633518 | www.rvbarts.com

 

 

 

Danza, musica e cultura senza frontiere: le migrazioni attraverso le arti

Nadeeya GK DanzaCultureMigranti

“Culture Migranti: danza, musica e arte senza frontiere” è il titolo dell’evento dedicato al tema delle migrazioni e all’integrazione attraverso le arti. A presentarlo sono tre istituti culturali europei di Napoli (Institut français, Goethe-Institut e Instituto Cervantes) associati nell’ambito della rete “EUNIC Naples”, insieme alla Cooperativa sociale Dedalus, in collaborazione con Made in Cloister. L’iniziativa sarà inaugurata venerdì 19 maggio alle ore 10 presso la sede di Dedalus (Piazza Enrico de Nicola 46) con una tavola rotonda che proporrà importanti testimonianze provenienti da Francia, Spagna e Germania. Due giorni di appuntamenti, con artisti internazionali e rappresentanti di diverse realtà e cooperative sociali europee, per promuovere e sviluppare uno scambio di esperienze tese a testimoniare e a valorizzare l’integrazione attraverso la cultura e l’arte, in particolare dei giovani.

Dario Alvarez Basso ArteCultureMigranti

L’evento è patrocinato dal Comune di Napoli e dall’Accademia di Belle Arti di Napoli e rientra nel programma di Wine&theCity 2017.

Sabato 20 maggio dalle ore 19, nei suggestivi spazi di Made in Cloister nel chiostro cinquecentesco della Chiesa di Santa Caterina a Formiello (Piazza Enrico de Nicola 46) si terrà la Festa di “Culture Migranti” con gli artisti internazionali invitati dagli Istituti stranieri Darío Alvarez-Basso, Nadeeya GK e Babou Bojang, ognuno portavoce della propria storia ed esperienza d’integrazione culturale, e i 50 giovani (tra i 15 e 20 anni,) partecipanti ai “Workshop” tenuti nei giorni precedenti. Nel corso della serata, si alterneranno le performance di danza, musica e arte realizzate durante i laboratori creativi a cura dei tre artisti con i giovani, migranti e non, di diverse  nazionalità (Italiana, Nigeriana, Ucraina, Algerina, Tunisina, Senegalese, Rumena, Egiziana, Colombiana, Marocchina, Eritrea, Gambiana, Beninese, Bengalese, Bulgara). La Festa di Culture Migranti si concluderà con un brindisi alla cultura, straordinario strumento di integrazione per un nuovo mondo migrante, senza frontiere. Informazioni: Cooperativa sociale Dedalus: 081293390, officinegomitoli@coopdedalus.org

Nadeeya GK DanzaCultureMigranti

 

(sabrina lupacchini/slup)