Category: Eventi

Visioni fra cielo terra: spunti sulla trasformazione della psichiatria, attraverso le connessioni con l’arte contemporanea

VISIONI FRA CIELO E TERRA: GIORGIO BARBERO & C
Mostre, visite guidate, incontri e laboratori, diverse sedi

DAL 23 MAGGIO AL 17 GIUGNO 2018
A cura di Tea Taramino e Alessia Panfili di Forme in bilico
Testi critici in collaborazione con Marco Petrocchi de Gli Acrobati e Alberto Taverna dell’ASL Città di Torino

Mercoledì 23 maggio
Conferenza stampa ore 11.00, Salone d’onore di PARI- Polo delle Arti Relazionali e Irregolari: Palazzo Barolo
Inaugurazione dalle 17.00 alle 19.00, Appartamenti Elena Matilde
Aperitivo musicale dalle 19.30 alle 20.30 alla Galleria  Gli Acrobati

La mostra si propone di offrire – in occasione del quarantennale della legge Basaglia – spunti di riflessione sulla trasformazione della psichiatria, indagandone le connessioni con l’arte contemporanea attraverso una rilettura critica di – potenti e differenti  – visioni artistiche.

L’artista Giorgio Barbero, protagonista delle mostre, sarà in dialogo con artisti storici ed emergenti, irregolari e non, in relazione a poetiche e ricerche individuali, sviluppate in epoche e contesti diversi.

Palazzo Barolo: Giorgio Barbero e i vestiti di Giuseppe Versino, il libretto del viaggio irreale di Mario Bertola, le grandi sculture e installazioni di Enrico De Paris, Simone Sandretti, Francesco Sena, Maya Quattropani e Ernesto Leveque.

Gli Acrobati:  Giorgio Barbero con le fantacostruzioni di Oby One (R. Zaiacometti) e i disegni di Cosimo Cavallo.

Durante l’inaugurazione una Temporary Library con edizioni sul tema a cura di Prinp Editore e Edizioni Inaudite.

Gli appuntamenti fanno parte della RASSEGNA SINGOLARE E PLURALE 2018. Un progetto di Opera Barolo / PARI / Polo delle Arti Relazionali e Irregolari: Palazzo Barolo e Housing Giulia e Città di Torino: InGenio Arte Contemporanea, InGenio bottega d’arti e antichi mestieri e Passepartout.

DOVE

Opera Barolo – PARI, Polo delle Arti Relazionali e Irregolari: Palazzo Barolo

ingresso Via Corte d’Appello 20 – Tel. 0112636111-info@palazzobarolo.it
Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì: 10.00-12.30; 15.00-17.30
Sabato: 15.00-17.30; Domenica: 15.00 -18.30

“Abbasso la Ricchezza” commedia sulle contraddizioni e gli eccessi di chi pensa che gli altri siano sempre più fortunati

Kabukista presenta “Abbasso la Ricchezza!” Sabato 19 e domenica 20 Maggio al Teatro Trieste 34 (ore 21 – Piacenza)Liberamente tratta da La Rivolta contro i Poveri di Dino Buzzati, “Abbasso la Ricchezza” è una commedia che affronta con leggerezza e ironia le contraddizioni e gli eccessi di chi pensa che gli altri siano sempre più fortunati; tra divertenti stereotipi duri a morire, situazioni paradossali e curiose lezioni morali, la storia racconta la difficile convivenza tra una famiglia di “poveri”, costretti a vivere in una misera soffitta, e una di “ricchi” che abita, tra sfarzi e sprechi, il palazzo sottostante e il cui paterfamilias sembra deciso a voler punire i poveri con “l’insopportabile” fardello dell’agiatezza economica. Lo spettacolo, esito del laboratorio di teatro della compagnia Kabukista, mescola spunti tratti dal meglio della tradizione comica teatrale con studi su pièce di Franca Valeri, Anton Čechov, Achille Campanile, Robert Thomas e molti altri.

Con Lorenza Agosti, Mauro Barilati, Silvia Bocciarelli, Massimo Bussandri, Giuseppe Cantelmo, Giuseppe Flace, Flaminia Maradini, Davide Pellecchia, Tiziano Pezzati, Paola Prandini, Benedetta Scandale, Maria Tagliafichi, Amelia Zannino.

Regia e conduzione: Silvia Zacchini
Assistente regia: Francesco Ghezzi

Per info: info@kabukista.it
Per prenotare: 329 8521350 oppure farcello@inwind.it
Resta aggiornato sulle novità e trova tutte le informazioni, foto e video sui nostri spettacoli e progetti sul nostro sito oppure sulle nostre pagine facebookinstagramwordpress e twitter.

Galleria Civica di Modena presenta “A cosa serve l’utopia”…

Venerdì 27 aprile 2018, ore 18
 presso la Galleria Civica di Modena (Palazzo Santa Margherita, sale superiori – Corso Canalgrande 103, Modena) a cura di Chiara Dall’Olio e Daniele De Luigi, sarà inaugurata la mostra “A cosa serve l’utopia”. Opere fotografiche e video di trentadue artisti e fotografi italiani e internazionali, selezionate dai patrimoni collezionistici gestiti da Fondazione Modena arti visive e dagli archivi della prestigiosa agenzia Magnum.

Prodotta da Fondazione Modena arti visive nell’ambito del festival FOTOGRAFIA EUROPEA – Reggio Emilia dedicato al tema “Rivoluzioni. Ribellioni, cambiamenti, utopie.”

Saranno presenti: Gino Lugli (Presidente di Fondazione Modena arti visive), Diana Baldon (Direttrice di Fondazione Modena arti visive), Chiara Dall’Olio (curatrice della mostra), Daniele De Luigi (curatore della mostra).

La mostra è in collaborazione con Fotografia Europea, Magnum Photos e Contrasto.

“A cosa serve l’utopia” resterà aperta fino al 22 luglio 2018

 

(sabrina lupacchini/slup)

“Make art not war” l’appello dell’arte contro le armi

Sarà inaugurata a Casa Museo Spazio Tadini di Milano il 3 maggio 2018 alle 18,30 “Make art not war”  di Fabio Ferrone Viola (classe 1966). La mostra curata da Paola Valori è presentata dall’Associazione Michele Valori con il sostegno di Generali Italia.

L’iniziativa, “provocatoria fin dal titolo, dopo la trasformazione dei rifiuti urbani in opere d’arte nella recente esposizione romana “CRASH” al Vittoriano, prende ora spunto dal famoso slogan pacifista anni ’60. “Make art not war” è il nuovo disperato appello dell’artista contro le armi”. Una selezione di una trentina di opere “realizzate con vere e proprie armi originali: maschere antigas, cannoni, missili, bombe a mano, taniche militari di benzina, con immagini sacre e messaggi che non solo costituiscono la cifra stilistica dell’artista, ma diventano in questo contesto testimonianze dal forte valore storico”.

“Impegno sociale e partecipazione del pubblico”, sono  le premesse con cui l’artista  sbarca nei suggestivi spazi della Casa Museo Spazio TadiniDa sempre impegnato a denunciare l’incuria e l’inquinamento ambientale, Ferrone Viola “non poteva restare indifferente anche di fronte ai temi della guerra, trovando nell’arte ancora una volta riflessione critica e azione di denuncia”Partendo dalle opere esposte “si avvieranno dibattiti e confronti con lo scopo di far riflettere sugli orrori della guerra e sul valore della pace, cercando di portare le nuove generazioni oltre l’odio e la violenza, coinvolgendole intorno al valore forte dell’arte e della cultura come strumenti di riflessione e cambiamento”.

La mostra resterà visitabile fino al 3 giugno 2018. Un catalogo documenterà la mostra con testi di Massimo Sgroi, Chiara Canali e Paola Valori.

 

(sabrina Lupcchini/slup)

Immortalare “figure contro”: la fotografia della differenza

All’Abbazia di Valserena, sede dello CSAC di Parma, apre sabato 21 aprile 2018 alle ore 11.00, la mostra “Figure contro. Fotografia della differenza”, nell’ambito dell’edizione 2018 di Fotografia Europea dal titolo “Rivoluzioni. Ribellioni, cambiamenti, utopie”.

Curata da Paolo Barbaro, Cristina Casero e Claudia Cavatorta, nella Sala delle Colonne dello CSAC, la mostra “è interamente costruita con materiali provenienti dagli archivi dello CSAC e consente di ‘vedere’ con chiarezza come la fotografia, soprattutto nel corso degli anni Settanta, abbia avuto un ruolo importante nel sensibilizzare le coscienze intorno a questioni nascoste, dimenticate, se non censurate, anche al di là di esplicite intonazioni di denuncia”.

Giuseppe Morandi. Samartin San Martino 1970

Le figure contro sono quelle immortalate negli scatti: “persone escluse dal racconto sociale, letteralmente spinte ai margini, in quanto la loro stessa esistenza è in contrasto con le logiche imperanti nella moderna società; cancellate dall’immaginario collettivo, esse ritornano con tutta la loro pregnanza in queste immagini, che si danno come asserzioni di esistenza, testimonianza di vite condotte all’insegna della differenza, della non omologazione, della sofferenza, ma anche della spontaneità e della naturalezza. In altri casi sono protagoniste figure che rispetto a queste logiche si pongono in contrasto, contro –  appunto – che protestano, manifestano, non si rassegnano, affermando un modello alternativo”.

Giordano Bonora. L’incontro n.7. Bologna 1980

I fotografi: Giordano Bonora, Anna Candiani, Carla Cerati, Mario Cresci, Uliano Lucas, Paola Mattioli e Giuseppe Morandi “ciascuno secondo la propria sensibilità e con il proprio linguaggio hanno contribuito a tradurre la fotografia da strumento di pura constatazione a strumento critico, di denuncia ma anche più sottilmente di riflessione, utile ad una presa di coscienza di quello che è la società italiana in pieno boom economico. Bianco e nero, aspetti ostentati ma anche culture e umanità rimosse. La complessità di un paese viene mostrata, mettendone in luce tutte le contraddizioni. I toni sono differenti, ma la forza di tutte le fotografie esposte in questa mostra risiede, in fondo, nella loro adesione alla realtà, oltre le convenzioni e i cliché, in una totale coincidenza di atteggiamento tra i soggetti ritratti e gli autori. Essere veri: un modo semplice ma radicale, questo, di essere figure contro”.