Category: Eventi

Mettersi nei panni dell’Altro… (Urbino 16-17 giugno)

Sono matto, certificato dal Dsm IV!

Percorso Induttivo sulla Malattia Mentale

Stamattina ho messo le tue scarpe è un’esperienza da vivere in prima persona, per entrare in contatto con il disagio psichico. Un percorso dentro e fuori Urbino, che dura una giornata intera, attraverso le storie di chi, quotidianamente, vive la malattia mentale.

Stamattina ho messo le tue scarpe è anche un racconto per immagini: quelle del video-documentario Sigarette e Sigarette, che sarà proiettato dentro le case di Urbino, e quelle della storia illustrata di Yuri, che viene pubblicata a puntate sul sito web: www.homessoletuescarpe.it/projects/le-mie-scarpe

Il progetto è promosso dall’associazione A.L.P.HA. e dal Dipartimento di Salute Mentale di Urbino – Asur Area Vasta 1. Tutti sono invitati a partecipare iscrivendosi entro il 4 giugno.

Il Ballo delle fate: tradizione e divertimento

Laboratorio di Saltarello e Castellana della Val Musone

SABATO 21 APRILE dalle ore 16.00 presso il

Circolo RicreativoVilla S.Pio X (Bocciodromo) a Spinetoli (AP)

Nelle Marche i vecchi raccontano che le Fate della Sibilla ballavano il saltarello all’interno del loro antro, in cima alla montagna, calzando zoccoli di legno di fico. Furono le Fate ad insegnare il saltarello agli uomini e a costruire il primo tamburello.
La fonte della nostra tradizione ancestrale è quindi la Montagna delle Fate, il monte Sibilla: il nostro ballo e il nostro strumento archetipico nacquero lì.
Passando dal mito alla storia, troviamo in Castelfidardo, nella valle del fiume Musone, un altro luogo simbolo della tradizione: è qui che nella seconda metà dell’ottocento nacque e si sviluppò l’industria italiana della fisarmonica. Da qui l’organetto diatonico iniziò a diffondersi capillarmente in tutto il centro-sud Italia, affiancando o sostituendo strumenti più arcaici nella pratica della musica tradizionale.
Da 150 anni nelle Marche il tamburello e l’organetto suonano in coppia: il primo, strumento femminile, lunare, acqueo; il secondo, strumento maschile, solare, igneo. Nella loro musica mito e storia si fondono dando, ancora una volta, impulso al ballo del saltarello, al ballo delle Fate.

 

Per informazioni: http://www.radicimigranti.org/

Il Libraio di Selinunte al Festival delle Abilità differenti

In finale all’Open Festival di Carpi

Il libraio che non vende libri ma li legge ad alta voce…

 “Il Libraio di Selinunte” della regista Roberta Fonsato è stato selezionato fra i cinque finalisti alla 14ma edizione del “Festival Internazionale delle Abilità Differenti” in programma a Carpi, Correggio, Modena e Bologna dal 2 al 15 maggio.

Lo spettacolo è il risultato di sette mesi di laboratorio teatrale svolto presso i Centri CSER “La Serra” di Sant’Elpidio a Mare (Fm) e CoSER e CSER “Cittadella del Sole” e “Dopo di noi” di Porto S. Elpidio (Fm) ed è “liberissimamente” tratto dal testo “Il libraio di Selinunte”di Roberto Vecchioni. Selinunte è un paese della Sicilia che ha un significato ben preciso è il paese del prezzemolo, una nota pianta aromatica che nasce spontaneamente e spesso in situazioni di cattività, una pianta alla quale da sempre si attribuiscono significati di virtù o di catastrofi, la differenza tra l’uno a e l’altra cosa, è dettata dall’uso sapiente della pianta stessa. Per uso sapiente si intende la capacità di apprendere e memorizzarne le dosi e le combinazioni che possano farlo diventare ghirlanda ispiratrice di parole poetiche per i poeti, oppure gettare nella sventura chi lo usa in maniera impropria. Va da se che la parola è il tramite della lunga catena del sapere.

Il percorso laboratoriale si è basato sulla realizzazione del copione a posteriori, nel senso che “si è partiti da una traccia minima del testo per arrivare dopo le improvvisazioni degli attori ad un copione ex-novo, dove le voci e le azioni sono frutto della volontà e della fantasia degli attori stessi”.

Per tale processo creativo lo spettacolo risulta essere un prodotto originale a tutti gli effetti. L’improvvisazione e’ il metodo di lavoro adottato, che trae spunto da il “Teatro dell’oppresso” di Augusto Boal. Una delegazione di 22 straordinari attori partirà il giorno 8 maggio alla volta di Correggio per poi il 9 maggio esibirsi di fronte alla giuria ed al selezionato pubblico.

Imprevedibile bellezza. Il Festival di Carpi

Festival delle Abilità Differenti (2-15 maggio)

“Una bellezza non convenzionale né prevedibile ma sorprendente perché è proprio nell’imprevisto, in ciò
che non ci aspettiamo, che troviamo quella luce e quel talento in grado di stupire e di parlare al nostro cuore: è questo il tema del Festival. Al di là degli stereotipi di perfezione e avvenenza è infatti possibile scoprire una bellezza profonda, viva, che si manifesta in ognuno di noi in modi infiniti. Nella nostra esperienza si è
reso evidente che le situazioni di vita dure e difficili nelle quali non si vede una speranza nascono quando ci si chiude alla possibilità di un rapporto umano. E’ proprio dal bisogno di questa relazione che nasce la domanda infinita. L’uomo è bisogno di rapporto, attesa di qualcuno o di qualcosa che non può costruirsi da sé: può solamente incontrarlo. Questi versi della poesia di Montale ‘Prima del Viaggio’ ci aiutano a capire:

..E ora che ne sarà del mio viaggio? Troppo accuratamente l’ho studiato senza saperne nulla. Un imprevisto
è la sola speranza. Ma mi dicono ch’è una stoltezza dirselo. Eugenio Montale, Satura, 1962-1970

E’ di questo che abbiamo bisogno tutti: aprirci ad accogliere un imprevisto, aprirci ad accogliere una imprevedibile bellezza che possa parlare al nostro cuore…”

Per informazioni: Cooperativa Nazareno – Il Programma

Immagine anteprima YouTube

Arte ed emozioni dal sociale – 17 aprile 2012

Arte ed emozioni dal sociale. Il teatro per l’educazione e l’inclusione

L’evento vuole essere un’occasione di incontro, riflessione e scambio fra le esperienze del teatro socio-educativo ed il circuito artistico-teatrale più tradizionale. Vi parteciperanno docenti, critici d’arte, direttori artistici e compagnie teatrali, rappresentanti di istituzioni ed enti locali.

Questo seminario rappresenta la prima tappa di un progetto che ha un duplice obiettivo: da un lato promuovere il teatro socio-educativo come prodotto culturale, dotato di valenza etica ed estetica oltre che terapeutica, dall’altro sostenere e coinvolgere il circuito artistico-teatrale tradizionale nel contrasto all’emarginazione ed allo stigma e nella sensibilizzazione sui temi dell’integrazione sociale e delle pari opportunità.

 

Arte ed emozioni dal sociale
Il teatro per l’educazione e l’inclusione

17 aprile 2012 _ ore 9,30 -17,00
Auditorium DMS – Via Azzo Gardino, 65/A – Bologna

Il Programma