“Architettura per la Natura”: NOW Summer School al Vigne Museum

Dal 7 al 10 Settembre 2017 parte la NOW Summer School, primo progetto di formazione promosso dall’azienda Livio Felluga, che si svolgerà al Vigne Museum (Vigneti Livio Felluga e Abbazia di Rosazzo, Udine) installazione permanente di Yona Friedman 

Architettura per la Natura” è questo il tema: 12 giovani architetti, coordinati da NOW – New Operation Wave, parteciperanno ad un’esperienza formativa in stretto contatto con il territorio, dettata da un nuovo approccio rivolto alla formazione che NOW ha elaborato  nei suoi due anni di attività. 

NOW – New Operation Wave è una rete operativa internazionale, supportata da Zerynthia Associazione per l’Arte Contemporanea ODV, che opera attraverso i principi di autogestione, di condivisione esperienziale e confronto diretto tra i vari partecipanti, giovani interpreti della cultura contemporanea, che hanno aderito ad un network cresciuto e consolidato nel tempo attraverso una serie di check-point, organizzati a livello internazionale dal 2015. L’intenzione è di creare piccoli gruppi critici di lavoro per sviluppare un progetto legato all’arte, all’architettura, al design, per la formazione di una generazione partecipativa e attiva sul campo.

I giovani architetti, artisti, curatori e studenti coinvolti nella Summer School provengono dai poli accademici di Architettura, di Belle Arti e di Design, nonché istituzioni già legate alla realizzazione di architetture mobili di Yona Friedman.

Il Vigne Museum riflette su tematiche legate al Paesaggio, alla tutela del Territorio e all’indagine del rapporto Uomo/Natura per uno sviluppo consapevole della nostra società e del nostro habitat. Rappresenta la nuova frontiera dell’essere Museo: un luogo aperto, senza pareti che guarda alla natura, al territorio e alla sua storia, all’architettura e all’agricoltura quali espressioni dell’uomo nel Paesaggio.

Su consiglio di Yona Friedman con Jean-Baptiste Decavèle, i partecipanti alla Summer School progetteranno delle facciate green a supporto dei moduli che compongono il Vigne Museum, utilizzando i materiali di scarto strettamente legati al Territorio, scoperti durante i sopralluoghi e reinventandoli seguendo il pensiero di Friedman, nel rispetto dei criteri di autonomia, adattabilità, sostenibilità, auto-organizzazione e auto-pianificazione.

Comments are closed.