Category: Esperienze

IPERCORPO. L’arte per riappropriarsi del “tempo reale”

Ipercorpo, il festival internazionale delle arti dal vivo, che quest’anno avrà come tema il tempo reale, annuncia le date della XVII edizione che sarà strutturata in due parti. La prima si svolgerà nell’autunno 2020, dal 25 al 27 settembre e dall’1 al 4 ottobre, negli spazi all’aperto di EXATR a Forlì, la seconda parte nella primavera 2021.

Il presidente dell’Associazione promotrice Città di Ebla, Claudio Angelini, esprime la volontà di non sottrarsi alle profonde trasformazioni emerse a causa della pandemia di Covid-19. Il festival vivrà il cambiamento come un’opportunità per produrre e veicolare nuovi format e significati.

“Il festival che avevamo immaginato – spiega – non potrà avere luogo nell’estensione prevista e dunque si è deciso di dilatarlo, creando un ponte che dall’autunno 2020 ci porterà nella primavera 2021, nella quale auspichiamo di poter confermare tutte le presenze internazionali che realisticamente non potranno essere con noi in autunno. I consueti Simposi, nella loro abituale collocazione nei mesi di ottobre e novembre, si svolgeranno al Diagonal – interamente orientati a riflessioni sul “tempo reale” – e saranno pensati come una cerniera fra i due momenti di Ipercorpo.”

Di sta lavorando per rimodellare la nuova proposta, raccontano gli organizzatori, dovendo immaginare dei possibili futuri. In questo particolare momento dopo quindici anni e diciassette edizioni Ipercorpo è un nome che si arricchisce di senso: “Venne pensato come un sistema aperto in grado di accogliere nuove istanze e spostarsi nel tempo e nello spazio. Questa gemmazione è avvenuta attraverso lo sviluppo delle sue sezioni: teatro e danza, musica, arte contemporanea, Italian Performance Platform, Masterclass Internazionale Scena Europa e i workshop”.
Il festival potrà aver luogo solo grazie ad artisti e pubblico, “solo attraverso di loro potrà tentare di rispondere ad alcune domande in stretta connessione con il suo nome, con la sua origine e con il suo tempo attuale. Questo è ciò che desideriamo ed è ciò per cui stiamo lavorando. Per “l’aver luogo” in questo tempo.”

(sabrina lupacchini/slup)

Salute mentale. “Tra le righe” del pentagramma musicale per incontrarsi e parlare della propria vita

“Quando salgo sul palco quello che mi piace di più è quando l’uditorio non sa cosa si aspetta e alla prima nota fa un oh di sorpresa perché sicuramente no portino delle grosse novità” sono le parole di Francesco, ospite della Comunità protetta ad alta assistenza “Gabbiano” e musicista, con altri, del gruppo TRA LE RIGHE, composto dagli ospiti della CPA e del centro diurno “Eureka”. Il laboratorio musicale “Personal-mente” nasce nel 2015 come attività rivolta a persone con disagio psichico grazie al musicista Davide Zubani, in collaborazione con l’Associazione “Punto. A Capo” e il servizio di Salute Mentale della Cooperativa “Il Gabbiano” di Pontevico (BS). L’obiettivo di questo progetto sociale è quello di sensibilizzare le persone su questa particolare tematica e dare un’opportunità di integrazione a coloro che devono affrontare questa fase di disagio e fragilità.

“Realizzare questo progetto ci ha dato la possibilità di stabilire un particolare legame con gli ospiti del servizio. Attraverso i brani gli ospiti hanno avuto la possibilità di condividere la loro storia di vita, le varie fasi del loro disagio psichico, senza stigmi e tabù – spiega Davide Zubani, ideatore del laboratorio musicale “Personal-mente”-  Ogni storia che viene raccontata attraverso i testi è unica e merita di essere condivisa con sensibilità e discrezione poiché può rappresentare un’importante chiave di lettura per conoscere e apprezzare la diversità con cui si può vedere il mondo o vivere una vita”.

All’interno di uno studio di registrazione, i componenti del gruppo hanno avuto la possibilità di raccontarsi e di condividere le proprie esperienze attraverso testimonianze dirette registrate e con lo studio degli strumenti a percussione. Ispirato dai loro racconti di vita Davide Zubani, in stretta collaborazione con il Coordinatore Responsabile Sergio Lussignoli, ha poi scritto i testi e arrangiato le musiche per dar vita a dei brani inediti di prossima pubblicazione.

“Scivolavo sempre senza riuscire a trattenermi. Ho incontrato una musica. Ma non solo la musica. La musica fatta con altre persone che manifestavano gli stessi miei problemi. Quindi, questa musica da semplice manifestazione sonora è diventata un’onda che ha coinvolto me e le persone con cui in questo momento convivo. Spero che questa attività serva ad allontanare tutti i fenomeni di tipo medico che possono ancora ostacolare la mia vita” spiega nel video un altro ospite del servizio di salute mentale. Ecco un’anteprima delle attività realizzate durante il laboratorio “Personal-mente” e della performance degli ospiti del servizio di Salute Mentale della Cooperativa “Il Gabbiano” all’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (BS).

[youtube]https://youtu.be/Hi4aihy77lc[/youtube]

(sabrina lupacchini/slup)

“Dal corpo alla voce”: laboratorio di tecnica ed espressività vocale

Dal corpo alla voce, è questo il titolo del laboratorio di tecnica ed espressività vocale a cura di Francesco Ghezzi rivolto a tutti coloro cui serva usare con naturalezza ma con efficacia la propria voce – attori, cantanti, insegnanti, o chiunque voglia migliorare la propria voce, anche senza nessuna esperienza. Attraverso tecniche ed esercizi mutuati da diverse discipline, il corso esplorerà in maniera approfondita le possibilità e le potenzialità del rapporto tra voce e corpo, primo veicolo di voce e movimento, e la naturale corrispondenza tra gesto fisico e gesto sonoro alla ricerca della propria voce, uno strumento vivo, sensibile, dalle innumerevoli e ricchissime sfaccettature. Voce naturale, ritmo, forma, flusso, rilassamento, risuonatori naturali, articolazione e impostazione vocale, sono alcuni degli elementi tramite cui si snoderà questo percorso. Il corso durerà da Febbraio ad Aprile compreso.

La prima lezione di prova, gratuit, si terrà mercoledì 7 Febbraio dalle 20.00 alle 22.30 (prenotazione obbligatoria) a Piacenza via Macellari (Cantiere Simone Weil) entrata per il parcheggio gratuito da Via Fratelli Galli Bibiena, 1. Per informazioni: info@kabukista.it | 345 07 33 779 (telefono e whatsapp) | www.kabukista.it

“Vicini Creativi”: scopri le passioni artistiche del tuo vicino di casa

Vi siete mai chiesti se il vostro vicino di casa ha qualche propensione artistica nascosta? Se, al termine di una lunga giornata, tra lavoro, figli e impegni vari, dedica un poco del suo tempo prezioso ad una attività legata all’arte? Abbiamo scoperto che sono innumerevoli i compaesani che hanno passioni artigianali e artistiche più o meno nascoste, amano colori, materie e materiali e nel silenzio delle proprie stanze, hanno incontrato la seducente bellezza della creazione. Ma cosa realizzano? Ceramiche, pitture, sculture, poesie, fotografie ecc… Creano pensieri e sogni. Materializzano sentimenti in oggetti, monili, in quadri. Per chi vuole scoprire le passioni dei propri vicini il 10 dicembre a Rubbianello (dalle 11 alle 18 in via Giotto 14) il Laboratorio “BAS – Borghi ad Armonia Sociale” di Monterubbiano ha promosso l’incontro “Vicini Creativi”. Un modo per conoscersi, conoscerli, per condividere saperi, opere e talenti.

“Monterubbiano – Borgo ad Armonia Sociale” è un Laboratorio di ricerca-azione territoriale (LaRT)  avviato per mettere in salvo la bellezza e abitare la memoria dei nostri meravigliosi borghi. Tra le sue finalità annovera quella di coinvolgere i cittadini, diffondere pratiche di partecipazione sociale, avviare ricerche e studi di approfondimento del territorio, promuovere iniziative pubbliche di incontro, organizzare convegni, seminari e momenti creativi. Il LaRT (il primo attivato nelle Marche) fa parte di un progetto nazionale più ampio denominato Ri.U.So (Riabilitazione/Riabitazione urbana sostenibile di ambiti antropici di antica fondazione).

Aspettando l’appuntamento dei “Vicini Creativi”, venerdì 8 dicembre (dalle ore 9 alle 17, presso la Fondazione Diversoinverso di Monterubbiano, sala E.Teodori, via A. Caro 6) verrà organizzata una “Giornata di laboratorio con la terra e il fuoco” per conoscere e sperimentare insieme l’antica e affascinante tecnica della Ceramica Raku. Originaria dell’estremo oriente è una tecnica che dà vita ad oggetti dal design e dai colori unici e irripetibili.

Sarà un fine settimana lungo: chi si occuperà dell’acquisto di doni originali e creativi, chi li realizzerà perché un creativo lo è già e chi, convinto che l’arte non sia proprio affar suo, si accorgerà di saper “creare”. Se è vero, come scrive Henry Miller che l’arte “non insegna niente, tranne il senso della vita”, sarà un valore aggiunto quello di incontrare persone che nella propria esistenza hanno dato un senso al bisogno di creare, ricevendone in dono il piacere dell’arte, che è cura, visione e bellezza. Tutte le informazioni potete trovarle sulla pagina Fb: Monterubbiano – Borgo ad Armonia Sociale. (slup/sabrina lupacchini)

 

Formazione in Musicoterapia – Il Centro Studi Alto Vicentino

Utilizzare la musica e il suono in ambito: preventivo, socio-educativo, riabilitativo, psichiatrico. E’ l’obiettivo del corso triennale di qualificazione professionale in Musicoterapia del Centro Studi Musicoterapia Alto Vicentino, ente formativo nato nel 2006, come dipartimento dell’Istituto Musicale Veneto “Città di Thiene”, con lo scopo di promuovere, divulgare e approfondire il complesso rapporto tra la dimensione umana e quella sonora in tutte le sue accezioni.

Il corso, indirizzato a musicisti insegnanti, terapisti della riabilitazione, e operatori sanitari,  sarà presentato sabato 30 settembre dalle 15 alle 17 in via C. Del Prete, 43 Thiene (VI).

Tra le diverse attività didattiche e formative del Centro Studi: la promozione di congressi e seminari tematici, le pubblicazioni e la creazione di una rete territoriale di professionalità di area psicologica, medica e musico-terapica.

Il  Corso di Formazione Triennale in Musicoterapia, giunto alla sua XI° edizione, può vantare una vasta rete di Convenzioni didattiche e risulta ormai una consolidata realtà formativa in ambito regionale, suddivisa in quattro aree di studio:
1. Area Musicale
2. Area Psicologica
3. Area Medica
4. Area Musico-terapica
I destinatari del Corso di Formazione Triennale sono insegnanti, educatori, psicologi, terapisti della riabilitazione, musicisti, operatori della Sanità e operatori che esercitano nell’ambito dei servizi socio – sanitari. Il Centro Studi mette a disposizione borse di studio per meriti scolastici e fasce di reddito: le pre-iscrizioni al Corso triennale scadranno a fine mese,
mentre il prossimo 30 settembre, in occasione dell’Open Day del Centro Studi Musicoterapia, avrà luogo il seminario di orientamento tenuto dalla d.ssa Manuela Guadagnini, la nuova coordinatrice didattica.

Per informazioni e appuntamenti:
Segreteria didattica CSMAV@Istituto Musicale Veneto
tel. 0445826235 – 0445364102 – 3371069626
musicoterapia@istitutomusicaleveneto.it

 

(sabrina lupacchini/slup)