Archive for: gennaio 2018

Effetto Cinema – Ciclo di incontri per capire lo “sforzo umano” per fare un film

Visioni Vibranti-EFFETTO CINEMA” Da Vincente Minnelli ai fratelli Coen attraversando le artistiche e poetiche variabili di Coppola, Truffaut, DiCillo, Pavich… Appuntamenti da non perdere al Teatro Nuovo di Capodarco per capire, attraverso lo sguardo e le parole di alcuni dei suoi massimi autori, “quale sforzo artistico, produttivo e umano comporta fare un film”.

Di seguito il programma completo. Ogni lunedì dal 19 febbraio al 16 aprile, al Teatro Nuovo di Capodarco (Fermo) alle 21.30.

19 febbraio 2018
-The Battle Over Citizen Kane – La sfida che segnò la storia del cinema

26 febbraio 2018
– Il bruto e la bella di Vincente Minnelli(1952)

5 marzo 2018,
– Hitchcock – Truffaut di Kent Jones (2013)

12 marzo 2018
– Ave Cesare! di Joel ed Ethan Coen (2016)

19 marzo 2018,Teatro Nuovo di Capodarco
Effetto Notte di François Truffaut

26 marzo 2018
– Viaggio all’inferno di Eleonor Coppola(1991)

9 aprile 2018
– Si gira a Manhattan di Tom Di Cillo (1995)

16 aprile 2018
-Jodorowsky’s Dune di Frank Pavich (2014)

Ingresso 5 euro.
#cinema #metacinema #visionivibranti

Pagina Fb dell’EVENTO

Alla scoperta delle meraviglie della pittura iconografica

A Siena domenica 28 gennaio l’Associazione Archesofica di Siena in collaborazione con il gruppo di artisti di “Icona in arte” organizza un singolare appuntamento che per un’intera giornata invita appassionati e curiosi a scoprire questa originale tecnica figurativa.

A partire dalle ore 10.00, nella sede espositiva di via Cecco Angiolieri, 13 a Siena, ad ingresso gratuito saranno in mostra 15 tavole iconografiche di varia grandezza e formato realizzate seguendo il modello tradizionale su tavola con foglia oro zecchino.

Alle ore 17.30 invece prenderà il via la conferenza di Silvia Gasparrini, docente di pittura iconografica e artista, durante la quale partendo dalla storia e dalla tradizione iconografica russa si indagheranno i principi che la distinguono da ogni altra forma di espressione artistica e mostrano le soluzioni tecniche spesso rivoluzionarie che nei secoli sono state messi a punto dai pittori iconografici per cercare di liberare e di liberarsi da un profondo senso di inquietudine.

Le opere in mostra a Siena sono frutto del lavoro di un gruppo di artisti che da tempo si dedicano allo studio e alla ricerca dell’arte iconografica tradizionale. Un progetto internazionale di divulgazione che coinvolge diversi paesi come Italia, Austria, Romania, Grecia, Portogallo e Germania.

L’ingresso alla mostra e alla conferenza è libero. Durante l’intera giornata sarà messo a disposizione dei visitatori materiale divulgativo inerente alla tradizione iconografica

“Dal corpo alla voce”: laboratorio di tecnica ed espressività vocale

Dal corpo alla voce, è questo il titolo del laboratorio di tecnica ed espressività vocale a cura di Francesco Ghezzi rivolto a tutti coloro cui serva usare con naturalezza ma con efficacia la propria voce – attori, cantanti, insegnanti, o chiunque voglia migliorare la propria voce, anche senza nessuna esperienza. Attraverso tecniche ed esercizi mutuati da diverse discipline, il corso esplorerà in maniera approfondita le possibilità e le potenzialità del rapporto tra voce e corpo, primo veicolo di voce e movimento, e la naturale corrispondenza tra gesto fisico e gesto sonoro alla ricerca della propria voce, uno strumento vivo, sensibile, dalle innumerevoli e ricchissime sfaccettature. Voce naturale, ritmo, forma, flusso, rilassamento, risuonatori naturali, articolazione e impostazione vocale, sono alcuni degli elementi tramite cui si snoderà questo percorso. Il corso durerà da Febbraio ad Aprile compreso.

La prima lezione di prova, gratuit, si terrà mercoledì 7 Febbraio dalle 20.00 alle 22.30 (prenotazione obbligatoria) a Piacenza via Macellari (Cantiere Simone Weil) entrata per il parcheggio gratuito da Via Fratelli Galli Bibiena, 1. Per informazioni: info@kabukista.it | 345 07 33 779 (telefono e whatsapp) | www.kabukista.it

“The Secret Garden”: mostra collettiva ispirata al celebre romanzo

Il “Giardino Segreto” è il romanzo di Frances Hodgson Burnett, segue le avventure di una bambina di dieci anni rimasta orfana, e di suo cugino Colin, che ha perso la madre e si crede malato, racconta il lungo e difficile processo di guarigione dei piccoli protagonisti, una guarigione che avviene, magicamente, grazie alle cure da essi fornite a un giardino segreto e proibito.

RvB Arts presenta per il 2018 la mostra collettiva: The Secret Garden. L’esposizione prende spunto dal famoso classico inglese della letteratura per l’infanzia.

“Le opere vanno dalla pittura, alla scultura, al disegno, al collage, alla fotografia, gli artisti coinvolti si confrontano liberamente con il tema. Alcuni offrono un’interpretazione esplicita rivolta al romanzo, e altri, invece, esplorano il senso metaforico prendendo spunto dal titolo del libro per indagare un personale immaginario segreto e privato”.

Arianna Matta – Awaiting the Return. Olio su tela

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

Opere diEvita Andújar, Leonardo Blanco, Lorenzo Bruschini, Lucianella Cafagna, Alessandra Carloni, Chiara Caselli, Sonia Cipollari, Fantini Andrea Gallo, Simona Gasperini, Ida Harm, Vittorio Iavazzo, Fabio Imperiale, Arianna Matta, Kristina Milakovic, Chiara Passigli, Claire Piredda, Vera Rossi, Giulia Spernazza

Alessandra Carloni – La chiave segreta. Oio su tela

Vernissage e cocktail: giovedì 25 gennaio 2018 – dalle 18:00 alle 22:00
RvB Arts – Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma
Antiquariato Valligiano – Via Giulia 193, 00186 Roma

I “babelici”. Artisti irregolari dalle opere visionarie, improbabili ma possibili

Sul sito www.eppela.com si è conclusa con successo la raccolta fondi per sostenere con una donazione il documentario dedicato ai “babelici”, artisti irregolari e alle loro opere visionarie “improbabili ma possibili”.

I Babelici – fuori dai confini dell’ufficialità e del mercato dell’arte – costruiscono un proprio universo immaginario prevalentemente all’interno dei loro spazi privati: nella propria casa o nel proprio giardino, occupandone ogni angolo disponibile.

“Storie affascinanti e inconsuete di ‘creazioni abusive’ affidate a uomini che con le loro mani trasformano ferro, legno, cemento, rifiuti e scarti in creazioni sospese tra l’art brut e un visionario artigianato naive”.

Un documentario che svela il fantastico mondo di questi “Costruttori di Babele” definiti così perché le loro creazioni spesso non sopravvivono a chi le ha create.

“E’ probabile che la loro esistenza sia effimera, e destinata ad un oblio prematuro, salve rare eccezioni in cui vengono creati dei musei allo scopo di preservarli”.

L’ex carpentiere che produce meravigliose opere costruite con materiali metallici di recupero, creando figure ispirate al mondo animale o a personaggi conosciuti e inventati, assemblando viti, blocchi motore, candele, ruote, bulloni, serbatoi, ecc. Un arzillo 70enne, “primordiale” scultore, che raccoglie sassi, o massi, di tutte le dimensioni per dare vita a opere, in alcuni casi imponenti, che rappresentano le più svariate creature e, soprattutto, dinosauri…ecc. ecc.

Sono solo alcuni dei meravigliosi “Babelici” che il documentario intende raccontare “così da contribuire alla conoscenza di una creatività umile ma grandiosa a tratti infantile ma anche epica”

Il progetto è a cura di Alessandro Quadretti, la colonna sonora è del chitarrista Massi Amadori. Il sound design è di Gianluca De Lorenzi.
Prodotto da Officinemedia.it società cooperativa che nasce nel 2011 dall’integrazione di diverse competenze negli ambiti video, audio, comunicazione, lingue e ricerca storiografica. Le riprese sono iniziate nell’ottobre 2017. Il crowdfunding aiuterà a sostenere parte delle spese di produzione e post-produzione. Info pagina Fb

(sabrina lupacchini/slup)