materiali-grafite

“Societies on the move”...

L’Istituzione Bevilacqua La Masa e Favini promuovono il Concorso Internazionale di Illustrazione e Grafica sociale Societies on the Move che ha l'obie...

TIB_2

“La Luna nel pozzo”, torna il...

Esibizioni di acrobatica, teatro di strada e giocoleria, circo teatro, danza col fuoco, circo contemporaneo, teatro di figura e marionette giganti; e ...

art

ARTEr.i.e. la rassegna delle “...

Se sei un artista e vuoi mostrare a tante persone diverse la tua ipotesi espressiva iscriviti ad ARTEr.i.e., "gran...

fotog

Street Photography Awards 2016: mos...

Il 2° bando per i LensCulture Street Photography Awards invita a mostrare il modo in cui vediamo il mondo! L'obiettivo è quello di "scoprire i fotogra...

ARTHERAPY

artisticamente_16apr2016_volterra2

Convegno Artisticamente: il punto sull’arteterapia in Italia

Riceviamo e con piacere diffondiamo il resoconto del Convegno Artisticamente, tenutosi il 16 aprile a Palazzo dei Priori, sede del...

ARTEVISIVA e MEDIART

art

ARTEr.i.e. la rassegna delle “ipotesi espressive”

Se sei un artista e vuoi mostrare a tante persone diverse la tua...

TEATRO SOCIALE e TEATROTERAPIA

TIB_2

“La Luna nel pozzo”, torna il Festival internazionale del Teatro in strada

Esibizioni di acrobatica, teatro di strada e giocoleria, circo teatro, danza col fuoco, circo contemporaneo, teatro di figura e marionette g...

MUSICOTERAPIA e MUSICA NEL SOCIALE

Foto Valter Zanchini di Ravenna

Andegna a balê’ o a e’ cino? Ricordi “sonori” in mostra. Per incontrarsi e raccontare

[caption id="attachment_3248" align="alignright" width="381"] Foto Valter Zanchini di Ravenna[/caption] Il 7 maggio ore 10 presso la casa...

DANZATERAPIA, POESIA, SCRITTURA CREATIVA

Foto Teatro_b

“Danzocolcuore per farti felice” spettacolo in favore dei bambini malati di cancro

“Danzocolcuore per farti felice” (direzione e regia di Walter Panzetti e scenografie di Tiziano dell’Acqua), è un evento benefico che si pon...

Artesociale perchè?

Nasce in modo molto spontaneo, ma con un tempo di incubazione lungo, maturato nel tempo, attraverso personali sperimentazioni artistiche nel sociale e non solo. L’esigenza è quella di riflettere sul ‘senso sociale’ dell’arte e sul significato, il valore e l’importanza dell’arte ‘impiegata’ nel sociale (nella sua forma terapeutica ed espressiva). Temi di rilievo vecchi nel tempo umano, ma mai come oggi, così ricercati e approfonditi, attraverso i quali si possono esperire valori, riscoprire i piaceri del fare, recuperare il bisogno di cultura e incontro. L’idea stessa di creare uno spazio “libero” nel quale l’arte e l’uomo si ritrovano, esprimono, operano e confrontano nasce per soddisfare un’esigenza dell’umanità per sua natura artistica e sociale. Tentiamo teorie, osiamo concetti e concettualizzazioni, già singolarmente complessi, riflettiamo su una collocazione comune dell’arte. Scopriamo nuovi talenti a noi vicini…

L’obiettivo del magazine è quello di creare una documentazione a tema con il contributo di tutti, pertanto chiediamo a quanti lo seguiranno di partecipare attivamente alla sua realizzazione attraverso la pubblicazione dei vari materiali. Sono benvenuti racconti, riflessioni, disegni, proposte, poesie, video, foto ecc. Se conoscete o lavorate con ragazzi, bambini, ospiti di strutture pubbliche-private, che secondo voi hanno un talento artistico e/o comunicativo, mandateci i materiali a: redazione@artesociale.it o sa.lupacchini@gmail.com;

Promuoviamo anche idee creative, progetti, eventi, seminari e momenti di formazione… anche baratti di “saperi”…Ci riserviamo di valutare attentamente il materiale inviato e di decidere autonomamente la messa online delle proposte ricevute. I contenuti, senza limiti di lunghezza, dovranno essere in formato word 2003 e le foto abbinate in formato Jpeg. Ogni invio o proposta redazionale, deve essere accompagnato dalla liberatoria firmata dall’autore. La collaborazione è gratuita.

Parliamo insieme di “Arte” a tutto tondo. L’arte sociale non è solo quella ad utilizzo terapeutico, ridiamole valenza espressiva e forza visiva. Aiutateci a scovare anche dei talenti fra le persone “comuni” che poi così “comuni’ non lo sono mai…

Alla straordinaria forza comunicativa..
…alla creatività ….
…alla bellezza della condivisione artistica…

Con gratitudine
la redazione

“Societies on the move”: concorso di illustrazione e grafica sociale

materiali-grafiteL’Istituzione Bevilacqua La Masa e Favini promuovono il Concorso Internazionale di Illustrazione e Grafica sociale Societies on the Move che ha l’obiettivo di stimolare l’immaginazione artistica sulle prospettive cosmopolite e multietniche della nostra società. Il bando è rivolto a grafici e illustratori, senza limiti di età e nazionalità

Oggi, spostamenti di persone e popoli pongono crescenti sfide alle società contemporanee: la fruizione di risorse comuni e diritti è messa in discussione da nuove esigenze di condivisione, e, allo stesso tempo è richiesta una cittadinanza attiva e consapevole, che coinvolga il rispetto dell’ambiente, le scelte di consumo, le dinamiche produttive e i processi istituzionali. Anche la creazione delle società future può avere inizio da una visione.

Il bando è rivolto a grafici e illustratori, senza limiti di età e nazionalità, ed è possibile parteciparvi in modo individuale o collettivo. Ai partecipanti è richiesto di realizzare un’illustrazione o un’interpretazione grafica inedita del tema proposto.

Una giuria qualificata selezionerà i lavori meritevoli di essere stampati ed esposti al pubblico in una mostra allestita presso la Galleria di Piazza San Marco dell’Istituzione Bevilacqua La Masa, Venezia, dal 20 ottobre al 20 novembre 2016. Inoltre, l’opera migliore riceverà un premio in denaro. Le opere selezionate e quella vincitrice saranno pubblicate nel catalogo dedicato alla mostra e al concorso.
La partecipazione al presente bando di concorso è gratuita.

I candidati potranno, relativamente al supporto su cui stampare l’immagine inviata, esprimere facoltativamente una preferenza, nell’ambito delle carte prodotte da Favini ed in particolare, le linee Crush e Remake.

Gli elaborati saranno valutati da una giuria qualificata composta da esperti internazionali nel campo dell’illustrazione, delle arti e comunicazione visive. I cinque giurati del premio saranno: Giorgio Camuffo, Cedar Lewisohn, Riccardo Falcinelli, Steven Guarnaccia, hamelin Associazione Culturale.

Favini, inoltre, individuerà 12 immagini, in modo indipendente dai giudizi della giuria, da utilizzare per la realizzazione di un calendario per l’anno 2017.

“La Luna nel pozzo”, torna il Festival internazionale del Teatro in strada

Contes_Asphaldt_3Esibizioni di acrobatica, teatro di strada e giocoleria, circo teatro, danza col fuoco, circo contemporaneo, teatro di figura e marionette giganti; e ancora, clownerie, pantomima, poesia di strada, commedia dell’arte e teatro per bambini…. Ritorna a Caorle (Venezia) il primo weekend di settembre (da giovedì 1 a domenica 4) la ventunesima  edizione del Festival internazionale del teatro in strada “La Luna nel pozzo”. Il festival è promosso dall’amministrazione comunale di Caorle e organizzato dall’associazione culturale Arci Carichi Sospesi di Padova, in partnership con United for busking, nuovo network italiano di festival internazionali di arte di strada, con il patrocinio della Regione Veneto e in collaborazione con il Consorzio di promozione turistica del Veneto orientale. Ad accendere ancora una volta di luci, magia, musica e colori le piazze, le calli e i campielli dell’affascinante cittadina veneziana saranno oltre 90 eventi tra performance e spettacoli acrobatici, comici, teatrali, proposti da 28 tra artisti professionisti e compagnie provenienti da ogni parte del mondo (oltre a Italia, Francia, Spagna, Belgio, Germania, Argentina e Uruguay), tra cui realtà del calibro di Paki Paya, Mystica Salvaje e Circo El Grito.

Per informazioni e programma:
www.lalunanelpozzofestival.ithttp://www.facebook.com/lalunanelpozzofestival

ARTEr.i.e. la rassegna delle “ipotesi espressive”

artSe sei un artista e vuoi mostrare a tante persone diverse la tua ipotesi espressiva iscriviti ad ARTEr.i.e., “grande, confusionaria, imperdibile, unica festa collettiva dove trovi uno spazio libero che potrai riempire con la tua arte”. ARTEr.i.e. è una rassegna di Ipotesi Espressive che si svolge ogni anno durante la prima settimana di settembre (dal primo al 4) a Cantalupo in Sabina (Rieti). La filosofia della manifestazione è basata su due punti invalicabili: l’assenza di circolazione di denaro a tutti i livelli e proposte libere fatte da artisti che hanno voglia di sperimentarsi direttamente col pubblico. Per l’occasione, le vie del centro storico si mascherano e si trasformano, dando vita per quattro giorni a dei percorsi, uno dedicato ad ogni arte: c’è il cinema, le arti visive, il teatro, la letteratura e la poesia, la danza, la musica vocale e strumentale, le arti di strada e la giocoleria.

Info e contatti: www.arterie.orginfo@arterie.org
ARTEr.i.e. anche sui principali social: FacebookYoutubeTwitterInstagramFlickr

Street Photography Awards 2016: mostra come vedi il mondo!

fotogIl 2° bando per i LensCulture Street Photography Awards invita a mostrare il modo in cui vediamo il mondo! L’obiettivo è quello di “scoprire i fotografi “street” migliori del momento che catturano momenti eccezionali di vita in tutte le sue forme vibranti”.

nostro raggio di azione globale non è mai stato più ampio dato che il nostro pubblico è cresciuto fino a superare i 2 milioni di persone. Perciò, la tua partecipazione agli Street Photography Awards si arricchisce di molte opportunità di visibilità e riconoscimento internazionale: il tuo lavoro potrebbe essere visionato da addetti ai lavori del settore della fotografia o venire proiettato a festival internazionali, nonché apparire nel nuovo Il meglio di LensCulture 2016: 150 fotografi premiatilibro fotografico che verrà distribuito e venduto in tutto il mondo. Sei invitato a partecipare, impegnarti e mostrarci le tue strade!

Scadenza per partecipare: 16 agosto, 2016

“Il coraggio è dentro di noi”: il racconto di un’espereinza

Riportiamo integralmente il racconto di Barbara Turcolin (presidente di Zona Franca) che spiega i passi e l’evolversi della nascita  del Concorso artistico “Di.segno in.forma” dedicato a bambini e ragazzi dai 5 ai 16 anni. E di seguito l’elenco con i rispettivi link per visualizzare le opere che hanno aderito all’iniziativa.

Di Barbara Turcolin
Presidente di Zona Franca

Barcbara Turcolin in una foto di Chiara Moro

Barcbara Turcolin in una foto di Chiara Moro

Quando mi sono messa in testa di allargare l’idea che è diventata“Di.segno In.forma/Il coraggio è dentro di noi”, come presidente dell’associazione culturale Zona Franca, ma soprattutto come sono naturalmente nelle semplici vesti di Barbara Turcolin, ho provato un intenso entusiasmo, al quale ho affiancato proprio una grande dose di necessario coraggio. Sì, perché come già sanno i soci che condividono la nascita e lo sviluppo dei progetti Zona Franca, da questo cappello associativo escono proposte che hanno sempre un approccio semplice, seppur mantenendo internamente l’impegnativo profilo socio-culturale dato dagli scopi statutari. Per cui questo concorso diffuso attraverso la rete internet, in uno spazio senza limite e verso un pubblico del tutto eterogeneo era una scommessa che faceva tremare il cuore.

È andata bene! Infatti a giochi fermi si sono sfiorate 250 opere arrivate da persone fra i 3 e i 69 anni di età e starà ora alla giuria l’arduo compito di selezionare i vincitori, i disegni da esporre, oltre alle segnalazioni per particolare merito. La responsabilità è stata ripartita tra una squadra dal profilo autorevole dove trovano spazio come presidente la film-maker Valeria Davanzo, affiancata dai letterati Fabio Franzin, Lia Zulianello e Alfonso Vesentini, dagli artisti Ivan Toninato, Giuliana Davanzo e Norman Zoia (peraltro già inimitabile ufficio stampa di Zona Franca).

cpraAll’iniziativa, oltre ai numerosi bravissimi bambini e ragazzi che hanno risposto alla chiamata, hanno preso parte da Milano, anagraficamente tra i fuori concorso, anche alcune delle donne detenute nella Casa circondariale di San Vittore. Si tratta di coloro che già frequentavano settimanalmente il laboratorio d’arte Saint Victor Academy curato dall’artista Antonella Prota Giurleo. Merito di ciò va all’impegno disinteressato e gratuito di quest’ultima e alla sensibilità dell’amica, anch’essa artista, Gretel Fehr; che venuta a conoscenza del concorso l’ha prontamente messo in circolo con generosità attraverso la sua rete contatti, facilitandone così questo tipo di sviluppo.

Per questa partecipazione va riconosciuto l’impegno ad Angela, Angela B., Antonella, Antonietta, Camelia, Ele, Elisa, Erika, Joice, Lizbeth, Ma., Milù, Monica, Mounia, Olivia, Paola, Rebeca e Yanara, ragazze della Saint Victor Academy tra 21 e i 59 anni, che sono state capaci di dare un’impronta di una tale profondità a “Di.segno In.forma // Il coraggio è dentro di noi” mandandola ben oltre quanto si era immaginato al momento del suo lancio. Ciò imprimendo il loro segno sul proprio senso di coraggio dentro ai cuori artistici di Lavinia Longhetto e Greta Tonello e attraverso un carteggio molto personale con Zona Franca.

Questo progetto deve dirsi grato per le sue solide basi, poiché fin dalle prime luci è stato supportato dal sito dedicato www.disegnoinforma.org e abbracciato appunto da soci di Zona Franca, dallo psicologico Dr. Tramarin, da Chiara Moro e Alessandro Mazzero per Studio Opificio (sito web e grafica), dalle referenti Pedibus Laura Paderno e Nancy Trevisan (rispettivamente per le località Rovigo e Meduna di Livenza), cui si sono aggiunte via via tante altre persone attraverso laboratori tenuti in contesti pubblici e privati. Sono stati di indubbia rilevanza e sostegno il patrocinio della Città di Motta di Livenza e dalla stessa località anche quelli concessi dall’Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione, dall’Associazione Amici del Cuore, dalla Cooperativa Madonna dei Miracoli e dalla Fondazione Ada e Antonio Giacomini, oltreché dalla sede di Treviso dell’Associazione Pedibus.

A fare da sponda ha dato man forte anche un considerevole gruppo di partners: il web magazine ArteSociale.it, il web event Festa Nazionale dei Bimbi, il periodico La Salamandra, l’emittente Radio Veneto Uno, i quotidiani Il Gazzettino e La Tribuna, l’online news Ilpiave.it, l’emittente Tv Media News 24, l’immobiliare Sanson e la Banca Prealpi di Credito Cooperativo.

La visione di tutti i disegni pervenuti nei termini previsti sarà possibile grazie alla gallery messa gentilmente a disposizione dal magazine Artesociale.it.

Inoltre dal 1° al 22 ottobre prossimo, a Motta di Livenza presso Palazzo Giacomini (Borgo Aleandro n. 23), nell’ambito dell’evento socio-culturale inclusivo ZonaFest2016 saranno esposti gli elaborati selezionati dalla giuria. Nel mentre, il giorno 15 verranno premiati i quattro vincitori assoluti scelti in base alle altrettante fasce d’età  tra 5-16 anni. Le proclamazioni ufficiali ai singoli interessati avverranno a ridosso dell’evento ottobrino a cura del Consiglio Direttivo dell’associazione culturale Zona Franca. Inoltre in una sezione collaterale saranno esposti sia i disegni provenienti dalla Saint Victor Academy che altri segnalati per particolare merito.

 

Ecco l’elenco a cui accedere per vedere le opere che ha hanno aderito al concorso