“A mondo mio” i bambini...

La terza edizione del concorso ““Di.segno in.forma” ha visto la partecipazione di numerosissime opere. In molti  hanno voluto rispondere all’appello d...

“Oasi”, la nuova mostra...

Oasi, la nuova mostra personale di Sergia Avveduti, inaugura venerdì 26 ottobre alle ore 18:30 negli spazi della galleria AF Arte Contemporanea di Bol...

“Stolen Selfies”, quand...

[caption id="attachment_5406" align="alignright" width="268"] Evita Andújar, Stolen selfie 6 o Eterno cadeau_acrilico su tela_90x80 cm[/caption] Rv...

“AlchimiaArte”, nuovo laborat...

Si chiama “AlchimiArte” il nuovo progetto artistico proposto dall’Associazione Archeosofica che prevede un percorso didattico ispirato al Duomo di Sie...

ARTHERAPY

L’arteterapia per ricostruire, dopo il sisma, “i propri luoghi interiori”

Dopo i Comuni di Norcia, Sellano e Vallo di Nera è arrivata anche a Cascia ed Amatrice (dal 31 luglio al 5 agosto) per poi terminare il suo ...

ARTEVISIVA e MEDIART

“In Wall We Trust”: al via l’ottava edizione con due street artist messicani che operano anche nel sociale

Inizia giovedì 4 ottobre, con l’arrivo di due street artist messicani, l’ottava edizione di In Wall ...

TEATRO SOCIALE e TEATROTERAPIA

“Abbasso la Ricchezza” commedia sulle contraddizioni e gli eccessi di chi pensa che gli altri siano sempre più fortunati

Kabukista presenta "Abbasso la Ricchezza!" Sabato 19 e domenica 20 Maggio al Teatro Trieste 34 (ore 21 - Piacenza). Liberamente tratta da La...

MUSICOTERAPIA e MUSICA NEL SOCIALE

“CHI AMA LA MUSICA SI INCONTRA”. Torna Musica in Aria l’evento itinerante nel segno di Euro Teodori

C’è un giorno dell’anno in cui la musica diventa impalpabile e profonda, quasi eterea, in cui il suono si unisce al ricordo e le persone si ...

DANZATERAPIA, POESIA, SCRITTURA CREATIVA

La danza delle comunità in cammino. Performance e proiezioni video

Oggi, sabato 3 febbraio dalle ore 17,30, presso il Polo del ‘900, (di via del Carmine 14 - Torino), serata dedicata ai percorsi di danza di ...

Artesociale perchè?

Nasce in modo molto spontaneo, ma con un tempo di incubazione lungo, maturato nel tempo, attraverso personali sperimentazioni artistiche nel sociale e non solo. L’esigenza è quella di riflettere sul ‘senso sociale’ dell’arte e sul significato, il valore e l’importanza dell’arte ‘impiegata’ nel sociale (nella sua forma terapeutica ed espressiva). Temi di rilievo vecchi nel tempo umano, ma mai come oggi, così ricercati e approfonditi, attraverso i quali si possono esperire valori, riscoprire i piaceri del fare, recuperare il bisogno di cultura e incontro. L’idea stessa di creare uno spazio “libero” nel quale l’arte e l’uomo si ritrovano, esprimono, operano e confrontano nasce per soddisfare un’esigenza dell’umanità per sua natura artistica e sociale. Tentiamo teorie, osiamo concetti e concettualizzazioni, già singolarmente complessi, riflettiamo su una collocazione comune dell’arte. Scopriamo nuovi talenti a noi vicini…

L’obiettivo del magazine è quello di creare una documentazione a tema con il contributo di tutti, pertanto chiediamo a quanti lo seguiranno di partecipare attivamente alla sua realizzazione attraverso la pubblicazione dei vari materiali. Sono benvenuti racconti, riflessioni, disegni, proposte, poesie, video, foto ecc. Se conoscete o lavorate con ragazzi, bambini, ospiti di strutture pubbliche-private, che secondo voi hanno un talento artistico e/o comunicativo, mandateci i materiali a: redazione@artesociale.it o sa.lupacchini@gmail.com;

Promuoviamo anche idee creative, progetti, eventi, seminari e momenti di formazione… anche baratti di “saperi”…Ci riserviamo di valutare attentamente il materiale inviato e di decidere autonomamente la messa online delle proposte ricevute. I contenuti, senza limiti di lunghezza, dovranno essere in formato word 2003 e le foto abbinate in formato Jpeg. Ogni invio o proposta redazionale, deve essere accompagnato dalla liberatoria firmata dall’autore. La collaborazione è gratuita.

Parliamo insieme di “Arte” a tutto tondo. L’arte sociale non è solo quella ad utilizzo terapeutico, ridiamole valenza espressiva e forza visiva. Aiutateci a scovare anche dei talenti fra le persone “comuni” che poi così “comuni’ non lo sono mai…

Alla straordinaria forza comunicativa..
…alla creatività ….
…alla bellezza della condivisione artistica…

Con gratitudine
la redazione

“A mondo mio” i bambini disegnano come vivere bene con il pianeta terra

La terza edizione del concorso ““Di.segno in.forma” ha visto la partecipazione di numerosissime opere. In molti  hanno voluto rispondere all’appello dell’Associazione Zona Franca che quest’anno ha invitato bambini e ragazzi a dare forma a un “mondo loro”, immaginando come vivere bene con il Pianeta Terra. “A MONDO MIO” è stato il titolo del concorso artistico, che si è proposto l’obiettivo di parlare ai minori di ecologia e consapevolezza ecologica, in modo concreto, con esempi semplici e realistici, lungo un percorso fatto di stimoli all’osservazione personale dell’Ambiente e di visioni più ampie, oltre sé stessi.
La premiazione e l’esposizione delle opere selezionate si svolgerà a Motta di Livenza (Palazzo Giacomini), sabato 10 novembre (premiazione) e domenica 11 novembre (mostra).
Quest’edizione ha visto partecipazioni riconfermate da parte degli Istituti Comprensivi di Motta di Livenza e di San Donà di Piave (Ippolito Nievo), dalla Cooperativa sociale Il Sentiero – Disability Service di Carbonera, in aggiunta ad altri disegni provenienti dal territorio opitergino-mottense, trevigiano e da altre province della regione Veneto. Registrando partecipazioni anche dalle regioni: Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Toscana.
Barbara Turcolin (presidente dell’associazione Zona Franca) ringrazia soci, amici, enti pubblici e privati per il sostegno dato.

“Oasi”, la nuova mostra personale di Sergia Avveduti. Luogo di stupore e di intimità

Oasi, la nuova mostra personale di Sergia Avveduti, inaugura venerdì 26 ottobre alle ore 18:30 negli spazi della galleria AF Arte Contemporanea di Bologna (via dei Bersaglieri, 5/E ).

Oasi è un luogo di stupore e di intimità, emancipazione e rituale, tempo rimasto e tempo da reclamare. Il mio intervento intrusivo determina nuove forme, il punto di partenza si disperde seguendo logiche connesse alla mia sensibilità soggettiva. Oasi è un versante verticale, una geometria rigorosa che insiste fino a scoprire qualcosa che non si era immaginato: poco sotto il punto d’osservazione, un paesaggio a gradoni senza gravità racconta la nuova dinamica del mondo. Edifici in linea irrigidiscono l’Ala di Francesco Baracca. Più in basso, sulla strada verso il fondovalle, si vedono architetture scanalate dal gelo sotto cupole di meteorologie impalpabili mentre sul margine visivo una scia di cani si lancia nel vuoto della pagina”.

La mostra resterà aperta fino al 30 novembre 2018

“Stolen Selfies”, quando la rete pervade la nostra vita. In mostra le opere di Evita Andùjar

Evita Andújar, Stolen selfie 6 o Eterno cadeau_acrilico su tela_90x80 cm

RvB Arts presenta Stolen Selfies, la mostra personale dell’artista spagnola Evita Andùjar, dedicata agli ultimi quadri, intende continuare a riflettere su come la rete pervade la nostra vita personale e su come la comunicazione sovrasta l’identità, con il suo flusso continuo e incessante di dati e la sua dinamica anarchica. Andújar ora si appropria di alcune immagini – postate su Instagram – vuote di contenuto, le porta alla sua dimensione ‘liquida’ e le carica con il proprio vissuto personale. Il suo intento è quello di mettere in discussione l’importanza dell’apparire e non dell’essere. L’immediatezza della tecnica e la ruvidità della tela di juta le permettono di creare opere in cui le figure si formano attraverso audaci passaggi di colore. In tal modo l’artista porta in superficie una realtà all’apparenza sfavillante e multicolore, dove tutto è giocato sul piano dell’instabilità. L’immagine che ne risulta appare doppia e traslata, come in continua ridefinizione. La ritualità ed intimità dei momenti rappresentati vengono registrati con una gestualità decisa e frenetica, lucida e tagliente.

RvB Arts – Via delle Zoccolette 28, 00186 RomaAntiquariato Valligiano – Via Giulia 193, 00186 Roma la mostra resterà aperta fino a martedì 4 dicembre, orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts. Testo critico: Luisa Grigoletto
info 3351633518  |  www.rvbarts.com

“AlchimiaArte”, nuovo laboratorio di disegno artistico ispirato al Duomo di Siena

Si chiama “AlchimiArte” il nuovo progetto artistico proposto dall’Associazione Archeosofica che prevede un percorso didattico ispirato al Duomo di Siena e in cui arte e alchimia si fondono. Il laboratorio inaugura l’attività con un primo corso di disegno articolato in quattro incontri a cadenza settimanale, che insegnano alcune tecniche artistiche di base per riprodurre a mano libera le immagini del pavimento del Duomo e scoprirne il misterioso linguaggio alchemico che lo rende unico al mondo. Adatto a tutti, anche a chi non ha familiarità con il disegno, il corso invita ad imparare ad osservare.

Si inizia con la visualizzazione dell’immagine e con dei semplici esercizi per prendere confidenza e scioltezza con la matita. Si passa alla riproduzione grafica del soggetto, per poi ridisegnare a mano libera sperimentando vari tipi di matite e la sanguigna.

Le lezioni sono arricchite da brevi approfondimenti su temi quali l’impianto alchemico del Duomo di Siena e la figura di Ermete, i colori della Grande Opera alchemica, il linguaggio simbolico dell’Alchimista.

La prima lezione di prova aperta a tutti avrà luogo martedì 23 ottobre ore 17.30 presso i locali dell’Associazione Archeosofica in via Banchi di Sopra, 72.

Per informazioni: 347.4087739 – Fb Associazione Archeosofica – Archeosofia a Siena

Salute mentale. “Tra le righe” del pentagramma musicale per incontrarsi e parlare della propria vita

“Quando salgo sul palco quello che mi piace di più è quando l’uditorio non sa cosa si aspetta e alla prima nota fa un oh di sorpresa perché sicuramente no portino delle grosse novità” sono le parole di Francesco, ospite della Comunità protetta ad alta assistenza “Gabbiano” e musicista, con altri, del gruppo TRA LE RIGHE, composto dagli ospiti della CPA e del centro diurno “Eureka”. Il laboratorio musicale “Personal-mente” nasce nel 2015 come attività rivolta a persone con disagio psichico grazie al musicista Davide Zubani, in collaborazione con l’Associazione “Punto. A Capo” e il servizio di Salute Mentale della Cooperativa “Il Gabbiano” di Pontevico (BS). L’obiettivo di questo progetto sociale è quello di sensibilizzare le persone su questa particolare tematica e dare un’opportunità di integrazione a coloro che devono affrontare questa fase di disagio e fragilità.

“Realizzare questo progetto ci ha dato la possibilità di stabilire un particolare legame con gli ospiti del servizio. Attraverso i brani gli ospiti hanno avuto la possibilità di condividere la loro storia di vita, le varie fasi del loro disagio psichico, senza stigmi e tabù – spiega Davide Zubani, ideatore del laboratorio musicale “Personal-mente”-  Ogni storia che viene raccontata attraverso i testi è unica e merita di essere condivisa con sensibilità e discrezione poiché può rappresentare un’importante chiave di lettura per conoscere e apprezzare la diversità con cui si può vedere il mondo o vivere una vita”.

All’interno di uno studio di registrazione, i componenti del gruppo hanno avuto la possibilità di raccontarsi e di condividere le proprie esperienze attraverso testimonianze dirette registrate e con lo studio degli strumenti a percussione. Ispirato dai loro racconti di vita Davide Zubani, in stretta collaborazione con il Coordinatore Responsabile Sergio Lussignoli, ha poi scritto i testi e arrangiato le musiche per dar vita a dei brani inediti di prossima pubblicazione.

“Scivolavo sempre senza riuscire a trattenermi. Ho incontrato una musica. Ma non solo la musica. La musica fatta con altre persone che manifestavano gli stessi miei problemi. Quindi, questa musica da semplice manifestazione sonora è diventata un’onda che ha coinvolto me e le persone con cui in questo momento convivo. Spero che questa attività serva ad allontanare tutti i fenomeni di tipo medico che possono ancora ostacolare la mia vita” spiega nel video un altro ospite del servizio di salute mentale. Ecco un’anteprima delle attività realizzate durante il laboratorio “Personal-mente” e della performance degli ospiti del servizio di Salute Mentale della Cooperativa “Il Gabbiano” all’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (BS).

Immagine anteprima YouTube

(sabrina lupacchini/slup)