img_5835-1-2

“Mare nostrum/Tablet of silen...

Appuntamento domani mercoledì 23 novembre (ore 17) al Museo dell’Ara Pacis di Roma (ingresso via di Ripetta) con l’installazione TABLE OF SILENCE  mem...

unnamed

Giornata contro la violenza sulle d...

In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, dal 25 novembre 2016 al 4 gennaio 2017, la Casa della Memoria e della Stori...

La violenza di genere tra noi: vide...

In Italia, viene uccisa una donna ogni tre giorni.  In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, venerdì 25 novembre 2016 alle ore 21,1...

locandina-deepen-dance

Deepen Dance-Progetto Habitat. L...

Deepen Dance - Progetto Habitat “un percorso di esplorazione ed espressione di sé attraverso la componente educativa ed il ritratto fotografico”, di ...

ARTHERAPY

locandina-neuroscienze-cafe-web

Al via la Rassegna Culturale-Scientifica “Neuroscienze Café”

Si terrà sabato 17 settembre, a partire dalle ore 10:00, presso la Sala Polifunzionale “Open Space”, in piazza Sant’Oronzo, il primo appunta...

ARTEVISIVA e MEDIART

il-libro-delle-ricette-segrete-45x65rid

“Polvere di Stelle q.b.” viaggio emozionale nell’universo creativo di Cynthia Segato

[caption id="attachment_3967" align="alignright" width="244"] Il-pampepato-del-mangia-50x70rid[/capt...

TEATRO SOCIALE e TEATROTERAPIA

9125_metallo-max-900x600-max-900x600

“9125 giorni…e ancora brucia”: 25 anni di Teatro della Contraddizione

Sono passati 25 anni dalla fondazione del Teatro della Contraddizione. A questo anniversario importante viene dedicata la Stagione Teatrale ...

MUSICOTERAPIA e MUSICA NEL SOCIALE

abilit

“Festival della musica impossibile”: incontro nazionale delle diverse abilità musicali

Venerdì 14 ottobre 2016 il Palazzetto dello Sport Pala Badiali di Falconara Marittima (An) dalle 10 di mattina fino alle 16, accoglierà ...

DANZATERAPIA, POESIA, SCRITTURA CREATIVA

Foto Teatro_b

“Danzocolcuore per farti felice” spettacolo in favore dei bambini malati di cancro

“Danzocolcuore per farti felice” (direzione e regia di Walter Panzetti e scenografie di Tiziano dell’Acqua), è un evento benefico che si pon...

Artesociale perchè?

Nasce in modo molto spontaneo, ma con un tempo di incubazione lungo, maturato nel tempo, attraverso personali sperimentazioni artistiche nel sociale e non solo. L’esigenza è quella di riflettere sul ‘senso sociale’ dell’arte e sul significato, il valore e l’importanza dell’arte ‘impiegata’ nel sociale (nella sua forma terapeutica ed espressiva). Temi di rilievo vecchi nel tempo umano, ma mai come oggi, così ricercati e approfonditi, attraverso i quali si possono esperire valori, riscoprire i piaceri del fare, recuperare il bisogno di cultura e incontro. L’idea stessa di creare uno spazio “libero” nel quale l’arte e l’uomo si ritrovano, esprimono, operano e confrontano nasce per soddisfare un’esigenza dell’umanità per sua natura artistica e sociale. Tentiamo teorie, osiamo concetti e concettualizzazioni, già singolarmente complessi, riflettiamo su una collocazione comune dell’arte. Scopriamo nuovi talenti a noi vicini…

L’obiettivo del magazine è quello di creare una documentazione a tema con il contributo di tutti, pertanto chiediamo a quanti lo seguiranno di partecipare attivamente alla sua realizzazione attraverso la pubblicazione dei vari materiali. Sono benvenuti racconti, riflessioni, disegni, proposte, poesie, video, foto ecc. Se conoscete o lavorate con ragazzi, bambini, ospiti di strutture pubbliche-private, che secondo voi hanno un talento artistico e/o comunicativo, mandateci i materiali a: redazione@artesociale.it o sa.lupacchini@gmail.com;

Promuoviamo anche idee creative, progetti, eventi, seminari e momenti di formazione… anche baratti di “saperi”…Ci riserviamo di valutare attentamente il materiale inviato e di decidere autonomamente la messa online delle proposte ricevute. I contenuti, senza limiti di lunghezza, dovranno essere in formato word 2003 e le foto abbinate in formato Jpeg. Ogni invio o proposta redazionale, deve essere accompagnato dalla liberatoria firmata dall’autore. La collaborazione è gratuita.

Parliamo insieme di “Arte” a tutto tondo. L’arte sociale non è solo quella ad utilizzo terapeutico, ridiamole valenza espressiva e forza visiva. Aiutateci a scovare anche dei talenti fra le persone “comuni” che poi così “comuni’ non lo sono mai…

Alla straordinaria forza comunicativa..
…alla creatività ….
…alla bellezza della condivisione artistica…

Con gratitudine
la redazione

“Mare nostrum/Tablet of silence” memoriale per le vittime del mare e simbolo di speranza

img_5835-1-2Appuntamento domani mercoledì 23 novembre (ore 17) al Museo dell’Ara Pacis di Roma (ingresso via di Ripetta) con l’installazione TABLE OF SILENCE  memoriale per le vittime del mare e simbolo di speranza. Un invito all’accoglienza e alla tolleranza, di cui è icona la tavola come spazio tradizionale di ospitalità e condivisione spirituale.

Ogni anno The table of silence, istallazione di cento grandi piatti in ceramica bianca decorati a mano dall’artista siciliana Rossella Vasta, si sposta nel mondo per essere allestita, proprio come una vera tavola che invita alla pace e alla condivisione fraterna, nei paesi ospitanti, tra cui, finora, gli Stati Uniti e il Giappone. Quest’anno la Tavola verrà presentata a Roma, con il nome di Mare Internum/Table Of Silence, perché verrà “apparecchiata” sullo sfondo del grande flusso migratorio che attraversa il Mediterraneo.

L’opera è il  risultato della collaborazione tra Rossella Vasta e i maestri d’ascia di Lampedusa Francesco Tuccio e Giuseppe Balestrieri.

La barca è stata realizzata dai maestri d’ascia lampedusani con inserti di legni provenienti dalle imbarcazioni  naufragate sulle coste di Lampedusa e sarà appoggiata su una base di sabbia.

I cento piatti di ceramica, posizionati da Rossella Vasta nella barca e sulla sabbia intorno, sono forgiati con la tecnica del mezzo ingobbio e decorati con un delicato ideogramma realizzato a mano.

Immagini del mare saranno proiettate sull’installazione dall’alto creando un effetto diurno in cui la barca e la tavola con i piatti di ceramica sembreranno arenate nella sabbia mentre di sera sembreranno galleggiare, trasportati dal mare.

Il progetto sarà allestito nella Sala Paladino del Museo dell’Ara Pacis, (dal 24 novembre 2016 al 22 gennaio 2017). Promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con i patrocini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, del Comune di Lampedusa e Linosa e del Comune di Palmanova, è organizzato dall’Associazione Culturale RO.SA.M. in collaborazione con UCID e Mentoring USA Italia onlus ed è curato dal critico d’arte Roberta Semeraro. Il progetto tecnico dell’installazione è dell’architetto Mauro Zucchetti, i servizi museali sono di Zètema Progetto Cultura. Saranno presenti: Laura Baldassarre (assessore alla Persona, Scuola e Comunità solidale), Claudio Parisi Presicce (sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali), Francesco Martines (sindaco di Palmanova), Roberta Semeraro (curatrice della mostra), Rossella Vasta, Francesco Tuccio (artisti), Jaqulyn Buglisi (coreografa).

Per informazioni, immagini e video realizzati sulla Tavola del Silenzio nel mondo: www.tableofsilence.com

Giornata contro la violenza sulle donne: “Il Tempo delle Farfalle” mostra dedicata alle sorelle Mirabal

In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, dal 25 novembre 2016 al 4 gennaio 2017, la Casa della Memoria e della Storia di Roma, attraverso biografie, foto, poesie, arte e testimonianze racconta “Il Tempo delle farfalle” donne fuori dal tempo che cambiarono la storia del proprio paese, la Repubblica Dominicana. Diventata simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, la storia delle sorelle Mirabal, “Le Farfalle” (Aida Patria Mercedes, Maria Argentina Minerva, Antonia Maria Teresa) “è un racconto di resistenza, liberazione e rivoluzione, parole chiave che hanno segnato fino all’ultimo istante le loro vite brutalmente interrotte dai servizi segreti militari del Dittatore Trujillo il 25 novembre del 1960, data nella quale, in loro ricordo, è stata istituita dall’Onu la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne”. Nell’ambito della mostra verrà proposta una selezione di opere del Maestro Dominicano German Pérez, considerato uno dei massimi esponenti del panorama artistico della Repubblica Dominicana,  tra cui il celebre dipinto intitolato “Amén de Mariposas”, che ritrae con il suo stile inconfondibile proprio le sorelle Mirabal.

La vita delle tre sorelle è stata narrata dalla scrittrice Julia Alvarez nel romanzo omonimo Il tempo delle farfalle (1994), da cui è stato tratto nel 2004 il film di Mariano Barroso In The time of Butterflies, con Salma Hayek. Nell’ambito della mostra sono previsti 2 appuntamenti: il 2 dicembre con il dibattito “Le Donne Migranti e La Violenza di Genere” ; il 9 dicembre, incontro con la storia delle sorelle Mirabal, a cura della Onlus “Promueve RD” e a seguire la proiezione del film “La Rivoluzione delle Farfalle” di Mariano Barroso.

La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale Dipartimento Attività Culturali, è a cura di Mirtha Racelis Mella e Luna Julissa Martone per L’Associazione Culturale “ProMueve RD Onlus”

CASA DELLA MEMORIA E DELLA STORIA , via San Francesco di Sales, 5 – Roma – Tel. 060608 – 06.6876543.

unnamed
(slup/sabrina lupacchini)

La violenza di genere tra noi: video, teatro e parole, una serata per riflettere

In Italia, viene uccisa una donna ogni tre giorni.  In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, venerdì 25 novembre 2016 alle ore 21,15 nella Sala Limonaia di Villa Baruchello (via Belvedere, Porto Sant’Elpidio FM) si terrà l’iniziativa “Lo sguardo oltre te” organizzata dal teatro play back della Compagnia Teatrale Cobacolamina e coordinata da Milagros Teresa Pardo Espinosa. Introdotti da Romina Iagatti ci saranno momenti di riflessione attraverso teatro e video animazioni.

Durante l’incontro verrà proiettato ELISABETTA E LA “GIOSTRA realizzato da Roberta Fonsato e Sabrina Lupacchini (RoSaVida Produzioni, progetti per l’umano). Un corto di animazione che ha come tema il femminicidio. Una”Striscia” dedicata alla sensibilità, al rispetto, all’Amore…

 

Il Teatro Playback “è una forma di teatro che lavora con l’improvvisazione attraverso il corpo, i suoni, la musica, la poesia e la metafora, che intendono tradurre sentimenti, esperienze in forme e colori visibili e riconoscibili di chi condivide la sua storia personale”

Le “Strisce animate”, nate dall’incontro delle artiste Roberta Fonsato e Sabrina Lupacchini, sono un’impellenza creativa. “InUtili” pensieri erranti che non vogliono ‘dire o ribadire’ qualcosa, ma vogliono esistere in quanto forme comunicative d’arte spontanea. L’idea del “muto” risponde molto bene ad una esigenza di sinteticità e immediatezza. Sono “SpotSociali” legati alle persone e all’attuale disagio del vivere. Parlano del nostro vivere quotidiano e nascono sempre da storie reali e dall’ascolto. Ad oggi sono state  raccontate ‘a tratti’ una storia legata alla psichiatria, all’alzheimer, all’emarginazione sociale, alla violenza contro le donne, una sui senza dimora. Il messaggio? Forse è muto, come le Strisce, così muto che grida i nomi di tutti quelli che le abitano: Costantino, Matilde, Annetta, Caterina, Elisabetta Roberta, Sabrina…

(slup/sabrina lupacchini)

Deepen Dance-Progetto Habitat. L’espressione di sé attraverso il ritratto fotografico

Deepen Dance – Progetto Habitat “un percorso di esplorazione ed espressione di sé attraverso la componente educativa ed il ritratto fotografico”,

di Erika Stefanelli e Irene Pittatore

Deepen Dance. Serie fotografica di Irene Pittatore, 2016. Dal laboratorio Consapevolezza di sè attraverso la fotografia, con la conduzione educativa di Erika Stefanelli

Deepen Dance. Serie fotografica di Irene Pittatore, 2016. Dal laboratorio Consapevolezza di sè attraverso la fotografia, con la conduzione educativa di Erika Stefanelli

“Il servizio Consapevolezza di sé attraverso la fotografia” nasce dalla sinergia di un’artista e di un’Educatrice Professionale ed è rivolto ad anziani, adulti e ragazzi, anche con disabilità, che desiderino sviluppare un percorso di esplorazione ed espressione di sé attraverso il ritratto fotografico.

L’esperienza, che può svolgersi in forma individuale o di gruppo, anche a supporto di servizi sanitari ed educativi, ha come obiettivi la promozione della cura della persona e l’innesco di processi di consolidamento dell’autostima e del proprio benessere; oltre a offrire occasione di discussione e confronto sulla bellezza intesa come espressione generativa e non normativa, come esperienza di liberazione o di riappropriazione del proprio immaginario e delle proprie attitudini, come forza capace di accogliere contraddizioni ed esprimere complessità.

Il progetto Deepen Dance, svolto a Torino presso il Centro Socio-Riabilitativo di Alcologia 3D (Dipartimento Dipendenze 1, ASL Torino 2) e a Boves presso Emmaus Cuneo (Associazione di volontariato che gestisce una comunità per persone in difficoltà), è stato il primo laboratorio con Progetto Habitat che ha concretizzato questi intenti.

Il titolo, nel suo richiamo fonetico al termine dependence, allude a un percorso di consapevolezza e all’esplorazione del potenziale creativo di un gruppo di pazienti coinvolti in un percorso di cura della dipendenza dall’uso dell’alcol.

Un’esperienza sorprendente, che ha regalato a noi tutti un incanto imprevisto attraverso la relazione di fiducia e messa in gioco dei partecipanti: in soli tre incontri siamo riusciti a intenderci profondamente e a costruire le condizioni per lavorare sul set con fiducia e coraggio, dando giusto equilibrio tra la valenza artistica e quella educativa.

I protagonisti sono stati una squadra capace di attenzione e rispetto, curiosità e voglia di mettersi in gioco, cercando di mettere in scacco dubbi ed esitazioni; un gruppo fortemente empatico, in cui è possibile sentire e creare una forte circolazione di energia avvicendandosi nella conversazione e nel rispetto del conduttore.

Considerati gli esiti di questa esperienza, con i pazienti e l’equipe di operatori abbiamo valutato di replicare, a partire da novembre 2016, in versione annuale/lungo termine.”

Di seguito le interviste dei partecipanti.

 

MARCO
1) Cosa hai pensato quando ti hanno proposto di fare un laboratorio avente come tema la bellezza e il ritratto fotografico? Il tuo pensiero è cambiato nel corso dell’esperienza?
Ho pensato di non venire bene nelle foto, ma al contempo sapevo che non mi importava realmente.

2) C’è qualcosa che ti ha preoccupato durante l’attività? E qual è invece il momento che ti ha fatto sentire maggiormente a tuo agio?
Probabilmente ero preoccupato della presenza di altre persone, mentre è stato il set fotografico a mettermi a mio agio.

3) Cosa ha significato mettere in gioco il tuo corpo, anche attraverso l’interazione con altre persone (gli altri partecipanti, i tuoi Educatori, la fotografa)?
Durante gli scatti fotografici è stato come fare molto esercizio fisico! Abbiamo fatto molta fatica con quelle balle di vestiti…

4) Questa esperienza ti ha aiutato a capire meglio qualcosa di te?
No.

5) Cosa dicono di te le immagini che ti ritraggono? Un aggettivo per definire te stesso nelle foto.
Inquieto.

6) Parteciperesti a un altro laboratorio? Perché?
Sì, parteciperei nuovamente per mettermi in gioco.


PINA
1) Cosa hai pensato quando ti hanno proposto di fare un laboratorio avente come tema la bellezza e il ritratto fotografico? Il tuo pensiero è cambiato nel corso dell’esperienza?
Onestamente non mi sono illusa né mi sono montata la testa sebbene il tema fosse la bellezza e il ritratto.

2) C’è qualcosa che ti ha preoccupato durante l’attività? E qual è invece il momento che ti ha fatto sentire maggiormente a tuo agio?
Non c’è stato nulla che mi abbia preoccupato e sono stata bene grazie alla presenza del mio gruppo, le persone che con me hanno fatto questa esperienza.

3) Cosa ha significato mettere in gioco il tuo corpo, anche attraverso l’interazione con altre persone (gli altri partecipanti, i tuoi Educatori, la fotografa)?
In realtà non ho messo in gioco il mio corpo, bensì ho messo in evidenza emozioni e sensazioni che sentivo in quel momento.

4) Questa esperienza ti ha aiutato a capire meglio qualcosa di te?
Mi ha aiutato a capire che bisogna mettere in mostra quello che hai dentro, quello che tieni nascosto.

5) Cosa dicono di te le immagini che ti ritraggono? Un aggettivo per definire te stesso nelle foto.
Dicono che se stai bene con te stessa riesci a mettere in risalto la tua spontaneità e la tua bellezza, diversamente non mostri nulla.

6) Parteciperesti a un altro laboratorio? Perché?
Sì, perché per me è stata una bella esperienza e la rifarei nuovamente con gli altri componenti del mio gruppo.


MIHAI (ha presenziato all’incontro della sessione fotografica)
1) Cosa hai pensato quando ti hanno proposto di fare un laboratorio avente come tema la bellezza e il ritratto fotografico? Il tuo pensiero è cambiato nel corso dell’esperienza?
Inizialmente non ho compreso bene cosa avremmo fatto, ma durante la realizzazione e soprattutto al termine degli scatti fotografici  ho capito bene.

2) C’è qualcosa che ti ha preoccupato durante l’attività? E qual è invece il momento che ti ha fatto sentire maggiormente a tuo agio?
Non c’è stato nulla che mi abbia preoccupato perché eravamo tutti insieme in allegria. Sono stato bene e mi è piaciuto quando ho preso i vestiti e mi sono abbigliato in modo un po’ strano.

3) Cosa ha significato mettere in gioco il tuo corpo, anche attraverso l’interazione con altre persone (gli altri partecipanti, i tuoi Educatori, la fotografa)?
E’ stato qualcosa di normale considerando che è stata un’esperienza fatta con persone che conosco e vedo due volte alla settimana; sono come una famiglia, conoscenze più vicine a te, amici.

4) Questa esperienza ti ha aiutato a capire meglio qualcosa di te?
Per l’età che ho raggiunto posso dire che forse so tutto di me o quasi tutto, ma di sicuro questa è stata un’esperienza bella per la vita in generale perché non comune, fuori dalla normalità.

5) Cosa dicono di te le immagini che ti ritraggono? Un aggettivo per definire te stesso nelle foto.
Non ce l’ho una risposta (ride). Forse posso dire che in quel momento ho sentito di esprimermi così perché ognuno ha i suoi momenti buoni o non buoni, così è la vita. Stavo bene.

6) Parteciperesti a un altro laboratorio? Perché?
Sì, perché sarebbe un’altra esperienza e sono curioso di capire di cosa si tratta e come verrà affrontata. Per me infatti l’idea della  fotografia è sempre stata associata a un quadro o a qualcosa di bello come una montagna, un fiume, una cascata e non, come invece è successo con questo laboratorio, a qualcosa da improvvisare e che per alcuni può non significare nulla.

BARBARA
Quando mi è stato proposto un laboratorio fotografico non ero molto convinta di partecipare, per di più sapendo di essere fotografata e di dover affrontare il tema della bellezza. Il primo pensiero è stato non fa per me, e per questo ho detto ad Andrea (Educatore del servizio) di non voler più partecipare. Come al solito Andrea mi ha suggerito di provare, anche solo per dire ho provato ma non mi piace. Oggi posso solo ringraziarlo per quel consiglio.

Nel percorso fotografico il mio pensiero è cambiato in positivo. Immaginavo tutt’altro e invece mi sono sentita al sicuro, anche grazie ai miei operatori e ai ragazzi del gruppo con i quali, qualora uno di noi dovesse essere in difficoltà, credo riusciremmo a comunicare anche solo con lo sguardo.

Quando siamo arrivati sul set fotografico mi sono preoccupata vedendo le balle di abiti, perché non riuscivo a capire cosa avremmo potuto fare a maggior ragione in una sorta di capannone. Ci ha pensato Andrea a rompere il ghiaccio e coinvolgere tutti. Da lì è scattato qualcosa in ognuno di noi, ci siamo lasciati andare sotto lo sguardo attento di Francesca (Educatrice del servizio) e la sindrome di Peter Pan di Andrea.

Non ho avuto problemi a farmi fotografare, perché ognuno di noi era libero di esprimere ciò che voleva senza pensare.

Eravamo noi, i ragazzi del 3D. Liberi di esprimerci senza essere giudicati.

Oggi tante cose sono cambiate. Una volta non avrei mai pensato di fare un laboratorio fotografico, mentre ora c’è la foto selezionata da Vogue – quella che preferisco – dove ci sono io che nascondo il viso, mi nascondo dietro le mie paure; per non parlare di quella dove mi tuffo in mezzo ai vestiti e per la quale mi viene da dire: tuffarsi per provare la libertà.

Questa esperienza mi ha regalato tanto, lo rifarei a occhi chiusi. E’ stata grande anche Irene, una persona che trasmette tranquillità ed è molto trasparente come persona.

 

ROBERTO
Sono qui seduto che mi sto riguardando le foto. Ho una sensazione dentro di me che non riesco a definire se è di contentezza o soddisfazione. Comunque questo laboratorio mi è piaciuto molto e mi ha fatto stare bene. Mi è sempre piaciuto fare questo tipo di cose, molto tempo addietro ho fatto qualcosa di simile e questa esperienza mi fa tornare a quando ero ragazzino.

Pensando a ciò che abbiamo fatto so solo che vedo un gruppo di ragazzi di una certa età che tornano indietro nel tempo che si sono lasciati andare. Per me è stata una cosa bella che mi ha dato una botta di benessere. Ora mi sto leggendo il pensiero che mi ha scritto Irene, mi fa venire i brividi, anche perché parole così non mi ricordo se me le hanno dette mai. Mi fanno stare bene. Basta perché ho un nodo alla gola, e sento che mi sta venendo da piangere e ansia, mannaggia. Fanculo, ora però sto male, perché? Mi sta succedendo questo. Mi piacerebbe continuare perché per me è stata una cosa bella e poi c’è la possibilità di conoscere persone con cui puoi socializzare e fare delle cose belle tutti insieme. Questo percorso mi ha portato una ventata di benessere, anche perché Irene è stata capace di prenderci bene. Spero che Francesca faccia tutto il possibile per far continuare tutto questo. Comunque per me è stata una cosa positiva. Grazie di tutto.

 

FRANCESCO (non ha partecipato al laboratorio)

1) Che pensieri ti sollecitano le immagini del laboratorio che hai potuto osservare?
Al momento nulla, a pensarci molto divertenti.

2)  Che cosa ritrovi in quelle immagini delle persone che hanno partecipato al laboratorio?
C’è una foto, che è una specie di skettch, che è bella. Le altre sono tutte normali.

3) Dal racconto dell’esperienza dei partecipanti al laboratorio e guardandone gli esiti fotografici, avresti interesse a partecipare a una nuova edizione del laboratorio? Perché?
Mi farebbe molto piacere provarci, perché proverei a vestirmi in maniera diversa.

4) Cosa ti aspetti di sperimentare?
Abiti femminili.

Fatti d’Arte N°0: “Perché l’arte non può prescindere dal saper fare” – Mostra evento

pagine-affiancate-cartolina-2-pagina001Fatti d’Arte N°0 , è la prima edizione di un evento dedicato all’ arte applicata e all’artigianato d’arte. Il progetto è nato da un’idea di Concetta Capacchione e Melina Scalise, che ha voluto fortemente questa iniziativa: “Perché l’arte non può prescindere dal saper fare”.

Protagonisti 16 artigiani artisti che presenteranno i loro lavori tra tradizione, innovazione e originalità in un contesto artistico e culturale quale è la casa museo Spazio Tadini dove da 10 anni Francesco Tadini e Melina Scalise danno spazio alla contaminazione di linguaggi artistici diversi con una costante attenzione alla ricerca delle nuove tendenze espressive.

Il confine tra arte e artigianato è costellato da una serie di produzioni che non appagano solo l’occhio dell’esteta, bensì sono il risultato di una ricerca, di una capacità di innovazione e trasformazione degli oggetti del quotidiano che è intrisa anche dei cambiamenti culturali che stiamo vivendo.

La mostra evento vede l’esposizione di abiti, borse, gioielli, coltelli e vasi, piccole sculture. Sono lavori selezionati non solo per la qualità del manufatto artigianale, ma per il lavoro di ricerca portato avanti dagli artisti artigiani. Il pubblico lungo il percorso espositivo potrà conoscere manufatti originali, rappresentativi anche della contaminazione tra culture e stili diversi. Un’esposizione aperta ad un pubblico di tutte le età che potrà incuriosire sia il pubblico femminile che quello maschile. L’ingresso è di 2 euro (gratis per i possessori della tessera di Spazio Tadini). Con 2 euro più 3 euro (5 euro) è possibile visitare anche tutta la mostra di Franco Fontana e quelli di Franco Fontana.Franco Fontana e quelli di Franco Fontana.

Esposizione d’arte applicata: abiti, gioielli, oggetti, vasi, coltelli, cappelli e tanto altro ancora. Sabato 19 (11,30 -e 20,30) e domenica 20 novembre (11,30-19) a Spazio Tadini via Jommelli, 24 Milano (MM Piola/Loreto- bus 81/62). Un’idea originale per un regalo a Natale. (ingresso pubblico 2 euro, ingresso soci gratis)