Category: In evidenza

Concerti “al femminile” al Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma

É dedicata alla musica declinata al femminile la sesta edizione de “I Concerti del Boito”: dal 15 gennaio al 9 luglio 2019, 37  appuntamenti ad ingresso libero con la musica interpretata dai docenti e dai migliori allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. Le donne in musica, non solo in veste di muse ispiratrici ma in quella di artiste, compositrici, creatrici. “Musiciste e Muse” è il sottotitolo della sesta edizione, 25 concerti si terranno nel consueto spazio dell’Auditorium del Carmine, 7 appuntamenti nella Sala dei Concerti di Palazzo Cusani, 2 nell’Aula Magna dell’Ateneo, 2 nella Chiesa di San Rocco e 1 nella Chiesa di San Vitale.

Clara Wieck at the age of 16, in Hannover, Germany. On the piano is the solo part of the third movement of her Concerto op. 7. Lithograph by J. Giere, 1835.

Il filo conduttore che lega tutti gli appuntamenti nasce da una doppia ricorrenza: nel 2019 si celebrano infatti il bicentenario della nascita di Clara Wieck, moglie di Robert Schumann, apprezzatissima pianista e compositrice e i quattrocento anni dalla nascita di Barbara Strozzi, compositrice e soprano, esponente musicale di rilievo nell’Italia del Seicento.

Interpreti dei concerti saranno i docenti e i migliori allievi del Conservatorio “Arrigo Boito” mentre, in tre occasioni, saranno ospiti della stagione gli allievi del Conservatorio “G. Nicolini” di Piacenza e degli Istituti di Studi Superiori Musicali “O. Vecchi-A. Tonelli” di Modena e Carpi e “A. Peri – C. Merulo” di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti.

“I Concerti del Boito” sono inseriti nel programma di Attività di formazione permanente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinato dal prof. Pierluigi Puglisi. Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito. Per informazioni: Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”, Strada del Conservatorio 27/a, www.conservatorio.pr.it; Casa della Musica, P. le San Francesco (43121 Parma), tel. 0521 031170, infopoint@lacasadellamusica.it.

 

(sabrina lupacchini/slup)

“Arte e cultura per la fertilità” è online il bando di Gemme Dormienti

È online il bando della 2° edizione del Contest “Cultura e arte in tema di preservazione della fertilità” a cura di Gemme Dormienti Onlus, l’associazione italiana che si occupa “di tutela della fertilità nelle pazienti oncologiche”. L’iniziativa intende “richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica rispetto al valore della maternità e il suo rapporto con la malattia, affrontando il problema della denatalità e il rischio di condizioni ostative che potrebbero compromettere la possibilità di diventare genitori naturali”. Come nella I edizione del Contest, l’obiettivo è quello di “aumentare l’attenzione sul tema della fertilità, affrontando il problema della denatalità e, in generale, richiamando la riflessione sul rischio di malattie e altre condizioni ostative che potrebbero compromettere la possibilità di diventare genitori naturali”. Gemme Dormienti sostiene l’approccio della cosiddetta “medicina narrativa” e lo estende alle altre forme di linguaggio artistico, come appunto le forme visive, di video arte e il fumetto.

Quest’anno la giuria tecnica è composta da: Laura Auricchio (psicoterapeuta specialista in terapia familiare), Yara Bonanni (fotografa), Veronica Di Benedetto Montaccini (giornalista), Ilaria Donatio (giornalista), Barbara Leda Kenny (redattrice e ideatrice del festival di scrittrici inQuiete) e Francesco Pompilio (attore e conduttore radiofonico).

Oltre a questi importanti professionisti, ci sarà il Consiglio direttivo di Gemme Dormienti a valutare le opere, pervenute entro il 31 maggio 2019, per arrivare alla scelta delle 3 finaliste.

Il bando e tutte le informazioni sono disponibili nella sezione dedicata del sito www.gemmedormienti.it  e nella pagina Facebook.

 

(sabrina lupacchini/slup)

“È sull’orlo del precipizio che l’equilibrio è massimo”: componi la nuova rassegna teatrale Camere d’Aria

Camere d’Aria – Officina polivalente delle Arti e dei Mestieri di via Guelfa 40/4 a Bologna (cameredaria.net | www.facebook.com/Cam.d.Aria/) ha recentemente pubblicato un bando rivolto a singoli artisti e compagnie di massimo 8 persone per la selezione di 5 progetti di residenza teatrale finalizzati alla messa in scena di spettacoli che rappresentino testi originali di autori contemporanei, preferibilmente inediti (www.facebook.com/events/348353529064613/). I progetti selezionati entreranno nel cartellone della rassegna “È sull’orlo del precipizio che l’equilibrio è massimo” in programma nel 2019.

Il titolo scelto per questa edizione richiama alla mente l’immagine di un corpo o di un pensiero alla ricerca di stabilità in una situazione di disequilibrio, asimmetria, confusione… e può essere letto come semplice spinta artistica verso l’armonia nel caos o come metafora della nostra esistenza al mondo, in quanto persone, cittadini, professionisti. Nel linguaggio sportivo del nuoto, ad esempio, l’equilibrio è inteso come l’armonia dei movimenti delle braccia e delle gambe di un atleta in gara.

Camere d’Aria offrirà a ciascun artista/compagnia selezionato/a una settimana di residenza e ospitalità per sviluppare il progetto e proporlo in prima serata al pubblico. A conclusione della rassegna verrà organizzato un evento speciale durante il quale l’artista fiorentino Sandro Da Boit donerà due sue opere per premiare il miglior spettacolo e il miglior testo decretato dalla somma dei voti assegnati dal pubblico e dalla giuria tecnica.

Il termine ultimo entro cui candidarsi è il 14 dicembre 2018. Entro il 13 gennaio 2019 gli artisti (o compagnie) selezionati saranno contattati da Camere d’Aria per definire il calendario dei periodi di residenza. La rassegna si svolgerà con cadenza mensile a partire da febbraio fino al mese di giugno 2019.

È possibile inviare le candidature esclusivamente tramite posta elettronica all’indirizzo: cameredariainfo@gmail.com. Si richiede: scheda di iscrizione compilata e firmata dal singolo artista/referente della compagnia (scaricabile a questo link: cameredaria.net/wp-content/uploads/2018/11/Scheda-di-iscrizione-Bando-Camere-dAria.pdf); video di presentazione del progetto di residenza e\o dei singoli artisti di massimo 3 minuti (tramite WeTransfer); curriculum artista/compagnia; testo integrale e sinossi. Saranno privilegiati i testi con forme di tutela “Creative Commons”.

Bando integrale: cameredaria.net/bando-per-la-selezione-di-5-residenze-teatrali-a-camere-daria/
Per maggiori informazioni: cameredariainfo@gmail.com | 3396171306 (Silvia)

Fino al 19 novembre invece è possibile votare online il progetto #GrondaieSonanti proposto da Camere d’Aria all’edizione 2018 del Bilancio partecipativo del Comune di Bologna (all’interno del Quartiere San Donato – San Vitale) per realizzare un sistema di scolo dell’acqua piovana in grado di emettere suoni piacevoli e melodici. Perfetto esempio di come un’installazione artistica si possa combinare armoniosamente con l’architettura urbana restando a disposizione di tutti i cittadini e passanti in via Guelfa, il progetto è descritto e può essere votato qui: partecipa.comune.bologna.it/bilancio-partecipativo/progetti/2018/grondaie-sonanti.

 

(sabrina lupacchini/slup)

L’Arte di vivere”,  in mostra le opere realizzate da persone con disabilità motoria

Sabato 1 e domenica 2 dicembre 2018 presso La Stecca 3.0 di Milano si terrà la mostra “L’Arte di vivere”,  esposizione di opere realizzate da persone con disabilità motoria, all’interno dell’Atelier di arteterapia del Centro Polifunzionale “Spazio Vita” – ASST Grande Ospedale Metropolitano di Niguarda. La mostra è sostenuta dall’Ordine di Malta e patrocinata dal Municipio 9 di Milano.

Sarà l’occasione “per riscoprire la creatività come strumento per entrare in relazione con se stessi e con il mondo esterno, capace di aprire la mente a nuovi punti di vista e possibilità”. I lavori esposti sono testimonianza della bellezza e delle risorse che ognuno di noi ha nascoste dentro di sé.

Scrive la curatrice Valeria Vaccari. “L’Arte di vivere” promuove l’utilizzo dell’arte e dell’arteterapia come esperienze capaci di accrescere la qualità della vita e, grazie all’impatto dei lavori esposti, contrasta anche il pensiero e lo sguardo, limitato e limitante, che troppo spesso si riserva alle persone con disabilità motoria. Durante l’evento i visitatori potranno partecipare alla realizzazione di un’opera collettiva.

Per la Cooperativa Spazio Vita “L’arte di vivere” sarà un’occasione di apertura al territorio, di incontro, conoscenza e relazione con le persone che lo abitano. “

“L’arte di Vivere”
Inaugurazione 30 novembre ore 17:30 – 20:00 con piccolo rinfresco
la mostra prosegue nei giorni 1 e 2 dicembre ore 10:00 – 20:00

 

(sabrina lupacchini/slup)

Teatro “Sergio Goretti”, uno spazio dove le diversità scompaiono

Sabato 1° dicembre l’Istituto Serafico di Assisi inaugura il nuovo Teatro dedicato alla memoria di Monsignor Sergio Goretti e annuncia la partenza dei prossimi laboratori teatrali rivolti a tutti i bambini e ragazzi con disabilità del territorio, con l’obiettivo di promuovere nuove occasioni di inclusione per aiutare gli utenti nella relazione con l’altro, con se stessi e con la propria creatività.

Uno spazio dove le diversità scompaiono, i limiti si annullano e le personalità emergono, valicando le barriere della disabilità. Tutto questo e molto altro sarà il nuovo Teatro “Sergio Goretti” dell’Istituto Serafico di Assisi, che verrà inaugurato sabato 1° dicembre insieme alla nuova Residenza Vendramini. Realizzato grazie al lascito solidale di Mons. Goretti, al quale è dedicato, grazie a un finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e all’intervento di un donatore privato, il teatro è stato fortemente voluto per offrire a bambini e ragazzi con disabilità un luogo fisico e temporale dove potersi esprimere attivando modalità corporea, mimico-gestuale e verbale sulla base delle abilità proprie di ognuno. Un prezioso ambiente creativo in grado di facilitare la conoscenza ed il confronto relazionale che, attraverso la formula coinvolgente e partecipativa del Teatro Sociale, promuove il benessere della persona con una particolare attenzione rivolta a valorizzare le singole personalità e l’autenticità espressiva.

Da gennaio 2019, il Serafico darà inoltre il via alla nuova stagione dei laboratori teatrali, che saranno aperti a tutti i bambini e ragazzi con disabilità del territorio umbro. L’obiettivo è promuovere nuove occasioni di inclusione per aiutare gli utenti che parteciperanno a rendere armonico il rapporto tra corpo, voce e mente nella relazione con l’altro, con se stessi e con la propria creatività.